Sversamento rifiuti: maggiore controllo da parte della città di Aversa

Il fenomeno dello sversamento indifferenziato dei rifiuti è una realtà con cui ci si scontra ogni giorno e va tenuto ferreamente sotto controllo. E’ ciò a cui sta lavorando la città di Aversa, tramite l’intervento dei vigili e con la partecipazione di tutta la cittadinanza, che non deve mancare di un buon senso civico. E’ necessario non solo suguire i regolamenti della città, ma anche segnalare le irregolarità.

Il settore ambiente della Polizia Municipale di Aversa sta lavorando a pieno regime per controllare il territorio e debellare il fenomeno degli sversamenti indiscriminati di rifiuti. Nel solo mese di novembre sono state elevate oltre 90 sanzioni a carico di cittadini che avevano depositato i loro rifiuti fuori dagli orari consentiti o con tipologie di rifiuto non corrispondenti al calendario dei conferimenti. I controlli sono stati resi possibili anche dall’uso delle telecamere che risultano un prezioso strumento per la individuazione delle targhe dei veicoli dai quali vengono sversati illegalmente i rifiuti, esse però, come evidenziano i caschi bianchi normanni, non sono efficaci laddove ad essere inquadrati sono soltanto le persone intente a depositare i sacchetti, poiché risulta pressoché impossibile risalire alla loro identità. Il consigliere delegato alla Polizia Municipale Michele Galluccio spiega: “I vigili stanno facendo un grande lavoro e li ringrazio per il loro costante impegno, purtroppo i soli controlli non sono sufficienti ed è necessaria la collaborazione degli aversani ed il loro senso civico, che troppo spesso è carente. Si continua infatti a depositare i rifiuti fuori dagli orari e dai luoghi consentiti, invitiamo tutti a segnalarci eventuali criticità. Per facilitare il compito dei vigili proporrò di abolire la distribuzione dei sacchetti neri che impediscono una rapida individuazione dei rifiuti contenuti e dei dati di eventuali responsabili, per sostituirli con sacchetti trasparenti attraverso i quali sia possibile risalire rapidamente agli incivili.”

Alessia Giocondo

alessia.giocondo@gmail.com