Reggia. La Ugl contro Renzi “Qui è tutto precario”

1Maggio2

“Abbiamo appreso che il Presidente del Consiglio dei ministri ha affermato che chiudere la Reggia è stato un lusso incredibile, dispiace constatare che non ha ravvisato come li tutto li è precario. Precaria la condizione in cui versa la struttura, precari i contratti delle ditte esterne, precaria la organizzazione del lavoro, precaria la nomina dei dirigenti, precari i venditori abusivi che imperversano fuori e dentro le mura, precari i parcheggi anche’essi spesso abusivi e da qualche giorno precaria anche l’amministrazione comunale”. E’ questo il testo di un comunicato stampa a firma D’angelo, Palumbo e Tarotto che  la Segreteria provinciale della Ugl Caserta ha fatto pervenire questa mattina agli organi di stampa. “Sono anni” si legge nella nota “che teniamo accesi i riflettori sulle problematiche della Reggia di Caserta e che denunciamo lo stato di degrado in cui versa. Siamo dispiaciuti per il disservizio causato ai turisti, ma Renzi, Alfano e Franceschini, ognuno per quanto di rispettiva competenza ci hanno costretti ad agire in questo modo. Renzi venga a Caserta per constatare di persona ciò che affermiamo e considerato che spesso si interroga sul ruolo dei sindacati venga a verificare cosa sta succedendo in Codap”.