Raffaele Raimondo: SANTA MARIA LA FOSSA conferenza-stampa d’inizio anno

  SANTA MARIA LA FOSSA Un momento della conferenza-stampa del 9 gennaio 2016SMLF La sede comunale                                                                               Settima conferenza-stampa annuale della Giunta Papa

SANTA MARIA LA FOSSA: BUONO IL RESOCONTO 2015 DELL’ATTIVITA’ AMMINISTRATIVA

                           Varie opere pubbliche in cantiere nella municipalità “ammiraglia” del Basso Volturno

 

SANTA MARIA LA FOSSA – Il sindaco Antonio Papa, il vice Salvatore Luiso, l’assessore Salvatore Russo e il delegato alla frazione La Torre, Michele Di Domenico, hanno incontrato i cronisti per la settima conferenza-stampa annuale, di resoconto dell’attività amministrativa 2015 e di annuncio dei principali interventi in programma per il 2016. Puntuale e documentata l’organizzazione ancora una volta ben curata dall’avv. Antonio Gaudiano. In apertura il primo cittadino ha ribadito la volontà di trasparenza degli amministratori e il loro intendimento di offrire un preciso ragguaglio dell’azione svolta, nei vari settori, durante l’anno appena passato e da svolgere in questo 2016 appena iniziato.

Fornite le prime informazioni sugli impianti di sorveglianza in fase di realizzazione (e volti a garantire meglio la sicurezza dei cittadini, oltre che a contrastare atti vandalici e sversamenti abusivi) e sul “centro polifunzionale” in avanzata concretizzazione, il sindaco ha ceduto la parola all’assessore Salvatore Russo che ha presentato un’ampia relazione illustrativa intorno allo “stato attuale dei beni confiscati alla camorra” e segnalato il ruolo attivo di Agrorinasce: nel complesso ben 139 immobili (per lo più terreni agricoli) su alcuni dei quali si vanno profilando positive destinazioni istituzionali e sociali (uffici pubblici, isole ecologiche, spazi sportivi, centri di aggregazione…). Ma Russo, titolare anche della delega al bilancio, ha inoltre notificato i dati finanziari dell’Ente e le imposizioni fiscali, mettendo in risalto che per il 2015 sono state confermate sostanzialmente le aliquote in vigore nell’anno 2014. Il Comune quindi non ha dato luogo ad inasprimenti della tassazione locale: l’Imu è rimasta al 4 per 1000; la Tasi all’1 per 1000 (mentre per la seconda casa, è stato necessario passare al 2 per 1000); gli scaglioni dell’addizionale comunale Irpef oscillanti fra lo 0,60 e lo 0,80 per 1000. Ragguardevole, nel contempo, la somma di 260mila euro finora riscossa per la Tari 2015, a fronte dei 431mila euro corrispondenti al costo complessivo del servizio di raccolta/smaltimento dei rifiuti. Accanto ad altri dati riguardanti i costi a carico dei contribuenti per servizi a domanda individuale, l’assessore Russo ha aggiunto che, per il 2015, è stato rispettato il “patto di stabilità” e, secondo un calcolo approssimativo per il momento, si prevede un “avanzo di amministrazione” che sfiorerebbe i 20mila euro. Oltretutto, il civico consesso ha provveduto altresì alla revisione dello “statuto comunale”.

Parimenti esaustiva la vasta rassegna dei lavori pubblici (completati, tuttora in corso e in fase progettuale) tratteggiata dal vicesindaco ed assessore competente Salvatore Luiso: un robusto elenco sul quale converrà tornare, limitandoci per ora a registrare almeno l’avvenuta realizzazione dell’isola ecologica, in località Ferrandelle, il ristrutturato pian terreno del palazzo municipale, il rifacimento e la messa a norma della sede stradale e dei marciapiedi della centrale Via Roma lungo la quale si affaccia la monumentale chiesa romanico-longobarda.

A conclusione, il sindaco Papa, pure a nome dell’assessore Minolfi, ha evidenziato, con legittimo orgoglio, gl’importanti traguardi raggiunti in ambito sportivo e culturale, citando, fra l’altro, i lavori effettuati, nonché i brillanti successi calcistici della squadra locale adesso militante nel campionato di “promozione” e le borse di studio da 250 euro ciascuna assegnate agli alunni che hanno ottenuto la votazione di 10 agli esami di licenza della scuola secondaria di 1° grado.

Dallo sguardo panoramico così delineato (e peraltro meritevole di ulteriori notizie su cui si è esteso il dibattito) è emerso, in definitiva, che Santa Maria la Fossa resta la municipalità “ammiraglia” del Basso Volturno e intanto si va preparando al conseguimento di nuovi e più arditi obiettivi.

Raffaele Raimondo

 

Raffaele Raimondo

cronista free lance

tel 0823-96.42.12340-500.67.64

e-mail: raffaeleraimondo1@virgilio.it