Raffaele Raimondo: GRAZ Cambio al vertice del 9° Stormo BARACCA

COCCI Col Pil Maurizio Comandante uscente 9° Stormo F.Baracca (1)

Raffaele Raimondo

cronista free lance

e-mail: raffaeleraimondo1@virgilio.it                                    settembre 2014

 

                            Cambio al vertice del 9° Stormo “F.Baracca”, alla presenza del gen. di D.A. RobertoComelli

GRAZZANISE:OGGI, 25SETTEMBRE, COCCI LASCIA IL COMANDO A MIGNOGNA

                  Alla cerimoniaparteciperanno autorità e rappresentanze delle Associazioni combattentistiche

                   

GRAZZANISE (Raffaele Raimondo) – Oggi, 25 settembre, v’è il cambio al vertice del 9° Stormo “F.Baracca” attivo dal 1967 sulla base Nato grazzanisana: data importante, dunque, giacché al col.pil. Maurizio Cocci – che assunse il comando del glorioso Reparto del Cavallino Rampante il 3 settembre 2012 – subentrerà il col.pil. Ivan Mignogna. L’evento sarà  presieduto dal generale di Divisione Aerea Roberto Comelli – neo-comandante delle Forze di Supporto e Speciali che hanno sede a Roma-Centocelle – e vedrà la partecipazione di numerose autorità civili, militari e religiose, oltre naturalmente allo schieramento del personale militare e civile dello Stormo.

Il “programma di massima” prevede l’arrivo, intorno alle ore 10, dei big istituzionali e degli altri invitati nel grande hangar dove da decenni si svolgono le manifestazioni di avvicendamento del number one. Alle 10,20, il col.pil. Cocci uscente assumerà il comando dello schieramento, enunciando la cosiddetta “presentazione della Forza”. Subito dopo vi saranno l’ingresso ed il posizionamento dei gonfaloni dei Comuni di Grazzanise e di Cancello ed Arnone, nonché dei labari delle Associazioni combattentistiche e d’Arma. Alle 10,27 in punto giungerà solennemente la gloriosa Bandiera di Guerra del 9° Stormo intitolato all’eroe di Lugo, celebre anche con l’appellativo di “asso degli assi” e riconosciuto da Gabriele D’Annunzio fra i più ammirevoli “maschi generati dalla matrice ferrigna dove si stampa il meglio della gente di Romagna”. Tre minuti per rendere allo storico vessillo i dovuti onori al termine dei quali puntualmente interverrà la massima autorità militare, appunto nella persona del generale di D.A. Comelli. Alle 10,33 avrà inizio l’ufficiale “passaggio delle consegne” nel cui ambito assumeranno di sicuro un notevole rilievo informativo i tre discorsi che di solito stemperano e coronano gli atti strettamente formali della cerimonia, facendo largo ad emozioni e sentimenti, ma soprattutto fornendo significativi aggiornamenti sull’incessante evoluzione e sull’impegno dell’Arma Azzurra in Italia e nel “teatro” internazionale. La conclusione è annunciata per le 11,15, quando autorità ed invitati si trasferiranno “presso il luogo dove si terrà il caffè di saluto”. Proprio così: in tempi di spending review, essendo d’obbligo la sobrietà, l’antico e ricco vin d’honneur di tali circostanze resta severamente relegato nel nostalgico mondo dei ricordi.