Radio Siani presenta “Mafie in pentola”

Radio Siani
Radio Siani

Cibo e lotta alle mafie, teatro gastronomico e impegno per il recupero della memoria storica si intrecciano nel progetto “Mafie in pentola”. Lo spettacolo teatrale, a cura di Tiziana di Masi e Andrea Guolo, finanziato da Coop Adriatica e sostenuto da Libera-Associazione nomi e numeri contro le mafie, andrà in scena giovedì 30 giugno 2011 alle ore 20 presso l’auditorium del Mav ad Ercolano, in collaborazione con Radio Siani, amministrazione comunale e Fondazione Cives.

La rappresentazione nasce dalle esperienze e dai viaggi dei due autori sui terreni confiscati alle mafie da nord a sud,  dove hanno raccolto interviste, documenti e materiale audio-video.

«Viaggiando in tutta Italia io e Andrea Guolo- ha affermato Tiziana di Masi- abbiamo composto per “Mafie in pentola” un esemplare menù della legalità, dall’antipasto al dolce per comporre un pasto completo. Storie di Vino, Olio, Taralli, friselle, peperoncini, melanzane, legumi, pasta, mozzarelle di bufala, torrone, miele, marmellate, limoncello, si intrecciano in un crescendo di gusto e di emozione con le parole di chi quei prodotti li ha seminati, coltivati e portati nelle nostre tavole, un intreccio gustoso ed esilarante, che riempie di sapore coscienze e stomaci».

«Abbiamo portato lo spettacolo a Napoli centro e a Casal di Principe- ha spiegato Geppino Fiorenza, referente regionale di Libera- per la provincia abbiamo deciso Ercolano per le attività dei movimenti antiracket e anticamorra, che vedono i giovani di Radio Siani in prima linea».

Proprio la manifestazione di giovedì sancirà la pausa estiva delle rubriche della web radio anticamorra. « Non conosceranno sosta, invece, le attività di informazione e volontariato – hanno concluso i volontari dell’emittente-  Invitiamo gli amici della radio e le associazioni a prendere parte all’evento».

Lo spettacolo è gratuito, ma necessaria la prenotazione. Per info e contatti: www.radiosiani.com, redazione@radiosiani.com

Ufficio stampa Radio Siani

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.