PULCINELLAMENTE, XVIII EDIZIONE A PIAZZA TRIESTE E TRENTO

Sarà presentata a Napoli presso la sede dell’Università Telematica Pegaso la XVIII edizione della rassegna PulciNellaMente, tra i più prestigiosi appuntamenti di Teatro – Scuola in Italia, che si terrà a Sant’Arpino (CE) dal 21 aprile al 1 maggio 2016.

Martedì 19 aprile 2016, alle ore 11, a Palazzo Zapata (Piazza Trieste e Trento, 48) si svolgerà, infatti, la conferenza stampa nel corso della quale sarà svelato il programma di quello che è divenuto uno degli eventi culturali, artistici ed educativi più attesi in Campania e non solo.

La rassegna, promossa dall’Associazione “Il Colibrì”, si avvale di prestigiose vicinanze istituzionali tra cui quella del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha donato la sua medaglia – premio alle scuole in concorso.

Per il secondo anno consecutivo la Rassegna Nazionale di Teatro scuola si avvale della collaborazione dell’Università Telematica Pegaso, fondata nel 2006 dall’imprenditore Danilo Iervolino, diventata la prima I-University in Italia, vero e proprio fiore all’occhiello in Italia nel campo della formazione.

Alla conferenza stampa, parteciperanno gli ideatori ed organizzatori di PulciNellaMente, Elpidio Iorio, Antonio Iavazzo e Carmela Barbato, affiancati dal sindaco facente funzione del comune di Sant’Arpino Aldo Zullo, dall’assessore alla Cultura, Salvatore Brasiello, dal Presidente di Pegaso, Danilo Iervolino,  dal commissario dell’Ente Provinciale per il Turismo di Caserta, Lucia Ranucci,  da Gianluca Di Gennaro, attore protagonista del film Gramigna, oltre ad altre personalità del mondo della cultura e delle istituzioni.

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"