PROVINCIA CASERTA, OK AL PIANO DI FORESTAZIONE

giaquinto-295x300PROVINCIA CASERTA, OK AL PIANO DI FORESTAZIONE
SU PROPOSTA DELL’ASSESSORE STEFANO GIAQUINTO


La Provincia di Caserta, ai sensi della legge regionale 11/96, è delegata ad esercitare le funzioni amministrative in materia di Riforestazione, bonifica montana e difesa suolo e l’art. 8 del regolamento stabilisce che gli enti delegati devono predisporre il piano forestale annuale attuativo, del piano forestale generale. Giovedì 17 luglio in Consiglio Provinciale è stata approvata la proposta dell’assessore all’Agricoltura Stefano Giaquinto del piano stralcio di forestazione anno 2014 e di piano forestale triennale 2014/1016. I comuni coinvolti sono i seguenti: Caserta, Castel Morrone, Carinola, Falciano del Massico, Mondragone, Pignataro Maggiore, Francolise, San Felice a Cancello, Arienzo, Sessa Aurunca e Vairano Patenora. Ricordiamo intanto che l’Amministrazione Provinciale retta dal presidente Domenico Zinzi ha garantito tutte le spettanze ai lavoratori stagionali impiegati fino a tutto il 2013, mentre per gli operai a tempo indeterminato spettanze a tutt’oggi pagate. La Regione Campania intanto ha comunicato lo stanziamento di circa 1 milione e 600mila euro che consentirà di realizzare i progetti con gli operai a tempo indeterminato per tutto il 2014, per gli operai stagionali “si auspica che la Regione possa intervenire con un’ulteriore assegnazione che potrebbe consentire di realizzare i progetti nella loro interezza, così come sono stati presentati”. 

— 

Federica Landolfi
389/1625666

Giornalista Professionista

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.