Prevenzione della depressione femminile

Una giornata per informare, per essere al fianco delle donne nella prevenzione del rischio depressivo nelle varie fasi della vita.

Mercoledì 12 ottobre il Cardarelli dedica un open day ad uno dei temi più complessi, e spesso anche drammatici, della vita di molte donne. L’iniziativa, fortemente voluta e sostenuta dall’assessore regionale Chiara Marciani (delega alla Formazione e alle Pari Opportunità), sarà realizzata in collaborazione con le psicologhe dell’associazione Salute Donna e si terrà al secondo piano del Padiglione N (dalle 9 alle 13) dell’Ospedale Cardarelli.

Quattro ore durante le quali medici del Cardarelli e psicologhe dell’associazione Salute Donna offriranno consulenze gratuite e un valido sostegno a quante lo richiederanno.

Depressione femminile
Depressione femminile

«Questo appuntamento – spiega il direttore generale Ciro Verdoliva – inaugura una serie di iniziative alle quali tengo in modo particolare e che saranno dedicate esclusivamente alla salute e al benessere delle donne. Altro tema sul quale intendo puntare con decisione, in linea con gli obiettivi che il Governo regionale si prefigge, è il sostegno nei confronti delle donne vittime di violenza. Il Cardarelli in questi casi dev’essere sempre più un luogo di cura e di sostegno. Il nostro obiettivo è quelli di essere sempre più efficienti nell’intercettare già in pronto soccorso i casi di violenza sulle donne e poi gestirli al meglio sia dal punto di vista medico che psicologico, garantendo anche la refertazione psicologica che sarà utile in sede dibattimentale in caso di un processo. Quando si parla di violenza sulle donne, l’unico modo di vincere la battaglia è riuscire a prevenirla».

La giornata per la prevenzione della depressione femminile si inserisce nel percorso che porterà all’inaugurazione al Cardarelli dello Sportello anti sportello, un percorso che sottolinea ancora una volta l’impegno dell’ospedale sul tema della salute delle donne. Non a caso il Cardarelli è anche la struttura che nella provincia di Napoli ha aderito all’iniziativa bollino rosa (www.bollinorosa.it).

About Annamaria La Penna

Pedagogista, si occupa di educazione, formazione e ricerca universitaria prevalentemente nell'educazione degli adulti e del Life Long Learning. Assistente Sociale, mediatrice familiare e consulente tecnico esperto in servizio sociale forense, è impegnata nei servizi e nelle politiche sociali dal 2001. Ha collaborato con alcune testate, tra cui Viewpoint, magazine di promozione culturale umbro (dove nasce e si forma) fino a giungere nel 2016 nella grande famiglia di Informare, dove ricopre il ruolo di caporedattore e direttore organizzativo. Iscritta agli Ordini professionali degli Assistenti Sociali e dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Obiettivo personale e professionale: con passione e dedizione, continuare a migliorare in qualsiasi cosa faccia.