Premio Annibale Ruccello 2017 a Lina Sastri

Lina-Sastri-Giovanni-Somma-Photography

Nel corso della conferenza stampa della presentazione della XIV Edizione del Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello, la rassegna diretta da Gerardo D’Andrea,  che si è tenuta oggi al Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli, è stata annunciata l’assegnazione del Premio Annibale Ruccello 2017 ad una grande interprete del teatro e della canzone, Lina Sastri “per la straordinaria capacità di immergersi con tutta la propria professionalità e la propria umanità nel fertilissimo humus di un immaginario lirico, poetico e drammatico che le appartiene visceralmente e che riesce a rendere universale in virtù di quell’esperienza interpretativa, di quel talento e di quella consapevole disciplina che ne hanno fatto modello internazionale di artista completa”. L’attrice inaugurerà ufficialmente, il 26 luglio 2017, la rassegna del Positano Teatro Festivalsul Sagrato della Chiesa Madre di Positano nel corso della quale le sarà consegnato il Premio Annibale Ruccello 2017 che consiste in un’opera originale delmaestro Mimmo Paladino.

Mentre  il Premio  Pistrice – Città di Positano quest’anno è stato attribuito a Paolo  Graziosi,  protagonista indiscusso del teatro italiano. L’attore riceverà il Premio, IL 3 agosto, nel corso di una Serata d’onore. “Sono fiero del successo di questo Festival – ha dichiarato il Sindaco di Positano, Michele De Lucia – e di aver contribuito, con la Giunta comunale da me guidata, a riprendere e a finanziare la rassegna. E’ un Festival di grande valore artistico, contribuisce ad accrescere e dare ulteriore lustro e suggestione a Positano – ha dichiarato il Sindaco di Positano, Michele De Lucia – un paese di grande bellezza, unico al mondo dal punto di vista paesaggistico e anche tanto romantico.  Con le sue proposte artistiche e di programmazione itinerante, il Festival offre ai tanti turisti della nostra amata Costa Diva la possibilità di scoprire borghi, insenature e piazze con viste mozzafiato. In più ponendo i visitatori in una condizione speciale: godersi il teatro e di immergersi in scorci e scenari ad alto tasso panoramico. Con l’inaugurazione sul sagrato della Chiesa Madre, per poi proseguire nei borghi di Montepertuso, Liparlati, Nocelle, La Garitta, la piazzetta della Chiesa nuova, sarà anche quest’anno il Festival di tutta Positano. E porterà non solo bei momenti di spettacolo ma anche di allegria ai cittadini di Positano, di Nocelle e Montepertuso così provati in questi giorni dagli incendi”. E poi ha concluso ringraziando i Vigili del Fuoco, i volontari e quanti si sono adoperati con impegno e professionalità nello spegnimento dei fuochi.

“Ridere, Riflettere, Commuoversi è da sempre lo slogan che caratterizza il Positano Teatro Festival – dichiara il direttore artistico, Gerardo D’Andrea ed io, nello scegliere gli spettacoli da inserire in cartellone seguo pedissequamente queste che sono per me le caratteristiche fondamentali per appassionare il pubblico. Per questa quattordicesima edizione, tra graditi ritorni, riconferme e straordinari debutti, ho voluto raccontare, attraverso soprattutto tre dei titoli in programma, il percorso di una drammaturgia che vede protagonisti tre grandi autori che hanno fatto della trasgressione la loro cifra stilistica: il dandy Oscar Wilde, che con il proprio vissuto scandalizzò la benpensante società vittoriana, il franco-algerino Jean Genet, la cui surreale drammaturgia rispecchiava la sua vita borderline, ed Annibale Ruccello (a cui è dedicato il festival) che, facendo tesoro dell’opera dei due grandi predecessori, si inserisce di diritto come una delle principali voci di fine XX secolo che abbia riportato a teatro la provocazione di un travestitismo schiacciato dall’orrore della contemporaneità”.

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.