Il futuro del porto di Napoli

Porto Napoli

Sin da quando nel lontano VIII secolo a.C. navigatori di Rodi fondarono un emporio commerciale sulla collina di Pizzofalcone, il porto dell’allora Neapolis era sito probabilmente nell’ansa ad oriente del Monte Echia-Pizzofalcone. Numerosi sono stati i cambiamenti subiti ma l’unico aspetto rimasto immutato è la sua connotazione. La costa napoletana è stata nei secoli scalo di naviganti, commercianti, conquistatori e di sovrani.
L’indice della sua espansione è sempre stato positivo, sia per la bellissima zona di Posillipo dove anche gli imperatori ed i politici dell’Antica Roma sceglievano di costruire le loro Ville, sia per la sua posizione geografica nel Mediterraneo.

Tra passato e presente

Mentre la storia antica ci insegna la grandezza del nostro territorio, al contrario le cronache dei giorni nostri ci dimostrano quanto abbiamo trascurato le nostre origini. La burocrazia lenta, gestioni cattive o mancate del sistema portuale hanno affaticato un’economia che poteva essere fiorente, un’infrastruttura che arranca a crescere e che è impantanata rispetto ai progressi dei cugini europei.
Con la legge 124/2015, la cosiddetta legge Madia, si è cercato in ambito nazionale di dare un incipit di innovazione e semplificazione. In particolare rispetto alla governance dei porti e all’accorpamento delle “Autorità Portuali” in “Autorità di Sistema”. I nuovi centri strategici della gestione hanno sede in quei porti che l’Unione Europea definisce “core”. Sono 15 ed il porto di Napoli rientra nell’“Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale” insieme a quelli di Salerno e di Castellammare. In sostanza, diminuiscono i soggetti, si accorpano gli sportelli e si snellisce la burocrazia.

Programma e proposte

L’ing. Luigi Iavarone, membro del comitato di gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, ha posto l’attenzione sul dragaggio (processo di escavazione eseguita mediante draga, ndr) del Porto di Napoli. La zona di interesse è stata inserita nell’area cosiddetta SIN (Sito di Interesse Nazionale, ndr) dalla Giunta Iervolino. Questa condizione ha implicato un punto cruciale per lo sblocco dell’area portuale, in quanto le operazioni di dragaggio in una zona SIN richiedono manovre “speciali” di smaltimento del materiale dragato. Se non si risolvono queste condizione, è inutile pianificare. Per tornare ad essere competitivi a livello internazionale, il Porto deve poter ospitare navi più grandi, sia nel campo mercantile che turistico. Navi più grandi richiedono non solo fondali più profondi e grandi spazi di manovra, ma anche nuove modalità di approvvigionamento. A tal proposito si pensa al “Green Port”, ovvero a dotare le banchine di nuovi impianti per una rete di distribuzione del gas alle navi con un minor impatto ambientale e maggior risparmio. Un altro problema è quello dei collegamenti ferroviari. Per aumentare la capacità di movimento su rotaie si è pensato ad una rete sotterranea attraverso un accordo tra Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e l’Autorità di Sistema per utilizzare collegamenti notturni già presenti nell’area portuale di Napoli. RFI garantirà cinque tracce ferroviarie consentendo così di portare su ferrovia le merci scaricate dalle navi.
Per quanto riguarda le tratte di collegamento con le Isole del Golfo e la riqualificazione della Stazione Marittima dal punto di vista architettonico occorre evitare lo stazionamento dei container. In merito a Castellammare, occorre riorganizzare e rilanciare la cantieristica e affrontare le nuove sfide di yatch e megayatch che avvicinandosi alla costa potrebbero creare l’opportunità per uno sviluppo turistico sul territorio sempre più fiorente. Sembra che qualcosa si stia muovendo ma non dobbiamo dimenticare che alle spalle del porto insiste una città che attende una connessione con il mondo del mare. Una città di mare merita di vivere il suo porto e non di sapere solo che esista. Risolti i problemi legati alla funzionalità, alla gestione ed alla morfologia della struttura portuale che si affrontano guardando al mare, non resta che girarsi verso la città. In attesa delle Universiadi del 2019, confidiamo in un collegamento tra il porto Smart, il nuovo Molo Beverello e la stazione metro Municipio che potrebbe chiamarsi appunto “Municipio-Porto”.

di Raffaele Gala

Tratto da Informare n° 171 Luglio 2017