Pietrelcina: serata di premiazione del Concorso letterario “Padre Pio”

Pietrelcina: serata di premiazione del Concorso letterario “Padre Pio, esempio di fede e santità per il nostro tempo”.pietrelcina
Grande successo, il 26 novembre scorso, per la serata di premiazione del Concorso letterario “Padre Pio, esempio di fede e santità per il nostro tempo”, organizzato dal quotidiano online “dentroSalerno” e patrocinato moralmente dal Comune di Pietrelcina.

L’evento ha registrato un grande consenso anche da parte di enti, che hanno offerto il proprio patrocinio. Accanto alla Regione Campania e alla Provincia di Salerno, i Comuni di: Salerno, Cava de’ Tirreni, Vietri sul Mare, Giffoni Valle Piana, Roccapiemonte, San Cipriano Picentino, Pontecagnano Faiano, Pellezzano, Fisciano, con la Pro Loco Giovani di Olevano sul Tusciano, l’Autorità portuale di Salerno, il Popolo della Famiglia, l’Associazione Medici Artisti Salernitani, l’Hospitalitè Notre Dame de Lourdes, l’Ospitalità di Pompei, il Centro Artisti Salernitani, l’Associazione Nazionale Marinai, i gruppi di Preghiera Padre Pio, l’Associazione Khorakhanè. Hanno inoltre partecipato i Sindaci dei Comuni di Bellizzi, Pontelatone e di Castel di Sasso con le loro comunità.

La premiazione è stata preceduta dalla concelebrazione eucaristica alle ore 17,30, presso la Chiesa conventuale della Sacra Famiglia. Momento molto toccante e coinvolgente, in particolare, quello dell’adorazione eucaristica delle 17:00. L’esposizione dell’Ostia consacrata, infatti, è stata accompagnata da riflessioni intrise di profonda spiritualità da parte di fra Enzo Gaudio, Responsabile Regionale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio.

Alla solenne Eucarestia hanno preso parte le numerose autorità politiche e religiose, insieme ai Gruppi di Preghiera. Molto particolare il momento dell’offertorio, in cui i vari enti coinvolti nella celebrazione, ciascuno attraverso il proprio rappresentante, hanno portato all’altare non solo prodotti tipici della loro terra, ma anche oggetti simbolici della vita di San Pio. Tra questi, un paio di occhiali, come augurio di visione chiara e illuminata sulla realtà che ci circonda; un fazzoletto bianco, che il Santo usava spesso per salutare i fedeli e una corona del Rosario, che il santo stigmatizzato recitava giorno e notte, quasi senza sosta.
Tra i vincitori della sezione “Poesia”, anche il Prof. Agostino Secondino, che è stato intervistato dalla nostra rivista in qualità di partecipante al Concorso (l’intervista è presente su “Informare online”(informareonline.com/dal-racconto-alla-poesia-un-concorso-sulla-figura-san-pio-pietrelcina/) . I vincitori hanno ricevuto opere artistiche realizzate per l’occasione dallo scultore salernitano Raiola e dai ceramisti vietresi Ronca, Benvenuto e Solimene.

I premi, con attestato giubilare, sono andati, per la sezione Racconti, a Guido Rella (primo posto) con “Mani sante”, a Elia Nese (secondo posto) con “Segni divini o solo fantasia”. Inoltre, menzione d’onore a Vittorio Pesca con “Una bastonata in testa”.

Per la sezione Poesia, ad Anna Senatore è stato conferito il primo premio con “Nascette n’omme”, al Prof. Agostino Secondino il secondo premio con “Con te…” ed, infine, a Fabio Dainotti il terzo premio con “Il viaggio”.
Non sono mancate menzioni di merito anche per le testimonianze.
Riproponiamo con piacere la poesia del Prof. Agostino Secondino, “Con Te…”:

 

Con Te…

Rimembro ancor la tua aura di grazia,
i tuoi sguardi che scuotevano silenzi,
pervadere le cellule del mio inconscio.
Con un sorriso angelico, come onda
d’argento, m’additasti di santità irti
sentieri che mi trattennero il respiro.
Le tue parole: “ama più di te il Crocifisso”
accesero lo smorto cuor di seminarista.
E sei ancora tu, San Pio, che nell’oceano
di cupi pensieri, dipingi squarci d’infinito,
che, come arpa d’anima, danno speranza.
Con te, esempio di santità e di tenace fede
nel nostro evo costellato da ostinati conflitti
che creano morte nell’anima, cammineremo.
Con te, nel letto del tramonto tra lacrime che
tagliano giovani venti, quando il cielo si tinge
di preghiera nella casa del Padre colorata
dagli angeli, saliremo le scale che portano a Dio.

 

La premiazione dei vincitori ha avuto luogo al Pala Vetro di Pietrelcina ed è stata condotta dal Direttore del quotidiano online “dentroSalerno”, Rita Occidente Lupo, con cui ci siamo complimentati per l’originale iniziativa. In apertura, il Direttore ha consegnato al Sindaco di Pietrelcina, Domenico Masone, a Fra Enzo Gaudio e a Giulio Siena, direttore responsabile della rivista “Casa Sollievo della Sofferenza”, un dossier a sua firma, con 50 testimonianze inedite di guarigioni ad opera del Santo, per l’ Archivio della Casa Comunale, del Convento di Pietrelcina e per Casa Sollievo.
Altre due copie saranno poi consegnate a San Giovanni Rotondo successivamente, sia al Convento “Santa Maria delle Grazie,” che al Centro Gruppi di Preghiera di “Casa Sollievo della Sofferenza”. Le copie saranno bollate, col timbro realizzato da Poste Italiane per l’evento, insieme alle cartoline grafiche, realizzate per l’occasione dall’artista Elena Ostrica, autrice anche della copertina del dossier.

Dopo la proclamazione dei vincitori per la sezione “Poesia” e “Racconto” ci sono state le testimonianze di alcuni ospiti, che hanno conosciuto personalmente San Pio, nonché di Consiglia De Martino, il cui miracolo avvenne all’ospedale San Leonardo di Salerno e favorì la Beatificazione di Padre Pio, inoltre quella di Teresa Sorrentino, colpita da aneurisma cerebrale e dei coniugi Colella, genitori di Matteo, che, guarito da meningite fulminante, aprì le porte il 2002 alla proclamazione della Santità di Padre Pio.
Teresa Lanna
seguici su  www.informareonline.com

About Teresa Lanna

Laureata in "Lingue e Letterature Straniere" nel 2004, nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in "Arte Teatro e Cinema" presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Tra le sue più grandi passioni, l'Arte, la Fotografia, il Cinema, la Letteratura, la Musica e la Poesia. Grande sostenitrice dell'Art.3 della Costituzione Italiana, è da sempre allergica ad ogni tipo di ingiustizia sociale. In vetta alla classifica delle città che ama di più ci sono Napoli e Firenze.