Perdersi per ritrovarsi nella Campania antica della Notte bianca al Liceo “Quercia”

Marcianise – Il Liceo classico “Quercia”  aderisce all’iniziativa “Notte Nazionale del Liceo Classico” che, in questa III edizione, vedrà ben 367 Licei aprire le porte contemporaneamente, venerdì 13 gennaio 2017 alle ore 18.00, per farsi promotori di una serie di eventi culturali organizzati dagli studenti dove protagonisti assoluti saranno, oltre ai ragazzi, le arti, la cultura e lo spettacolo, con una molteplicità di proposte per la cittadinanza, gli studenti, le famiglie, gli ex studenti e tutti coloro che vorranno partecipare.

L’evento culturale è patrocinato dal comune di Marcianise e dalla sezione casertana dell’Associazione Italiana di Cultura Classica.  “Il labirinto. Nei meandri della Campania antica. Perdersi per ritrovarsi” è il tema scelto dai docenti e dagli studenti del liceo marcianisano, che prenderà il via venerdì 13 gennaio, dalle 18,00 protraendosi fino alle 22,00.

Coordinati dal Dirigente Scolastico Diamante Marotta, convinto sostenitore dell’alto valore formativo del liceo classico, nella sua completa dimensione umanistica e scientifica, gli studenti proporranno performances musicali, coreutiche, teatrali, frutto di approfondite ricerche sulla Campania Felix.

In programma per la serata, numerose esibizioni coreutiche e musicali con canzoni cantate in lingua latina. In palestra sarà rievocata la battaglia di Canne e da lì inizierà un percorso nella Campania antica con la guida  degli studenti del liceo classico.

Un particolare TG sarà trasmesso dallo studio televisivo allestito in un’aula, manderà in onda servizi sulle “Matres Matutae”, sui santuari di Diana Tifatina e del fondo Patturelli, su Spartaco, su Capua antica, sul mito di Trittolemo. Non mancherà la rappresentazione, in lingua latina, dei miti di Teseo, del Minotauro, di Icaro e Dedalo.

Ampio spazio anche alla gastronomia antica ed ai laboratori scientifici sui profumi e sulle eruzioni vulcaniche.

Sul versante linguistico verrà presentato il laboratorio “Il labirinto della parola”.

La chiusura del percorso prevede la visita al planetario dove sarà possibile osservare gli astri, i cui nomi derivano dal greco antico.

Durante la manifestazione, inoltre, si rivedranno gli studenti del “Quercia” della maturità del 1986, che ricorderanno le loro compagne prematuramente scomparse, Graziella D’Antuono, Lucia Marino e Maria Rossano, consegnando targhe commemorative alle rispettive famiglie.

Momento clou della serata sarà un concerto del musicista casertano Franco Mantovanelli e della sua orchestra “Napulè è ‘na canzone”, un viaggio attraverso le canzoni napoletane di ieri e di oggi.

Un ringraziamento particolare ai docenti coordinati da Giulio Coppola (Francesco Caso, Giulia Rocco, Maria Luce Porceddu, Angela Madonna, Caterina Perrella, Anna Zullo, Vincenzo Serafino, Concetta Grasso, Mariateresa Verona, Maria Pia Tartaglione, Angela Grillo) che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento, alla preparazione degli studenti, all’allestimento delle scenografie, alla messa a sistema di ogni attività; al vicepreside Pasquale delle Curti che ha curato, tra le altre cose, la comunicazione ed ha affiancato, coadiuvandolo, il dinamico Dirigente Scolastico.

Annamaria La Penna

annamarialapenna@gmail.com

About Annamaria La Penna

Pedagogista, si occupa di educazione, formazione e ricerca universitaria prevalentemente nell'educazione degli adulti e del Life Long Learning. Assistente Sociale, mediatrice familiare e consulente tecnico esperto in servizio sociale forense, è impegnata nei servizi e nelle politiche sociali dal 2001. Ha collaborato con alcune testate, tra cui Viewpoint, magazine di promozione culturale umbro (dove nasce e si forma) fino a giungere nel 2016 nella grande famiglia di Informare, dove ricopre il ruolo di caporedattore e direttore organizzativo. Iscritta agli Ordini professionali degli Assistenti Sociali e dei Giornalisti Pubblicisti della Campania. Obiettivo personale e professionale: con passione e dedizione, continuare a migliorare in qualsiasi cosa faccia.