Papa Francesco : “no alla cultura dello scarto per anziani,malati, disabili” .

Papa FrancescoUn appello alle Opere don Camillo, Figlie di San Camillo. Don Orione, don Guanella, Fatebene Fratelli.

Avevamo trattato l’argomento “ Invecchiamento e disabilità” citato da Papa Francesco nella Assemblea Pontificia Accademia Pro Vita tenutasi fino al 22 febbraio, presso l’Istituto Agostinianum a Roma, un tema di grande attualità che sta molto a cuore alla Chiesa e nell’occasione è stato celebrato il 20 anniversario dalla Fondazione ad opera del Beato Giovanni Paolo II° con il Motu proprio Vitae Misterium .

Ma ritorniamo sull’argomento e sulle questioni di biomedicina in relazione alla promozione e difesa della vita, “mandato” che il Beato Giovanni Paolo II° affidò alla Pontificia Accademia per la Vita sorta l’ 11 febbraio 1994, chiamata a svolgere un lavoro “spesso faticoso perché richiede di andare controcorrente, sempre prezioso perché attento a coniugare rigore scientifico e rispetto per la persona umana” come sottolinea Papa Francesco nel suo Messaggio, soffermandosi sul tema “Invecchiamento e disabilità”, scelto per suggellare i 20 anni di attività.

 

“Nelle nostre società, osserva Papa Francesco, si riscontra il dominio tirannico di una logica economica che esclude e a volte uccide e di cui oggi moltissimi sono vittime, a partire dai nostri anziani”, specie se malati o disabili. budget del ricoverato e Petizione 2013

 

Nella “cultura dello scarto”, come chiama Papa Francesco “gli esclusi” sono “rifiuti”, “avanzi” della convivenza sociale, ma se la salute è “un valore importante”, spiega il Papa, perché il “valore di una persona”, continua “non è di per sé garanzia di felicità”, che può esservi invece “in presenza di una salute precaria”.

 

“E la più grave privazione che le persone anziane subiscono”, denuncia il Papa “non è l’indebolimento dell’organismo e la disabilità che ne può conseguire, ma l’abbandono, l’esclusione, la privazione di amore”, in una parola la solitudine che grava molto forte sulle persone anziane “dispregiate” nella vita quotidiana.

 

Se non hanno più famiglia “maestra di accoglienza e solidarietà” dove s’impara “a non cadere nell’individualismo ed equilibrare il nostro animo, s’impara “che la perdita di salute non è una ragione per discriminare alcune vite umane”.

 

In questo il Santo Padre “colpisce” e mette in rilievo saggiamente il centro della inquietudine che regna nell’animo della vecchia generazione, oggi 2014, senza famiglia la quale è “ maltratta e disprezzata”.

 

Se “una società è veramente accogliente”, conclude Francesco, quando riconosce che la vita “è preziosa anche nell’anzianità, nella disabilità, nella malattia grave e persino quando si sta spegnendo”, insegna che la perdita di salute non è una ragione per discriminare alcune vite umane”comunque la tematica essenziale e specifica della Chiesa resta sempre svegliare la dimensione delle coscienze, e come dice il Cardinale Tettamanzi “ la coscienze è il posto dove l’uomo colloquia con se stesso” e preoccupa la richiesta di legislazioni che vogliono inserire l’eutanasia, come ora è stata quella dei minori contraria alla vita, che sono la vita e come continua il Cardinale “ non sono diritti deboli, ma dei deboli”

 

Il mondo degli anziani oggi è divenuto vasto ed i dati Istat affermano che la popolazione anziana oggi è del 15% e nel 2025 sarà del 25%, eppure mancano Case di Riposo e tra gli over 65 per superaere le difficoltà economiche e non in gado di tenere una badante, “concedono” le loro casa a coloro che hanno problemi abitativi, anche per risolvere la solitudine .

 

Ci sono personaggi che hanno fatto la storia e che pochi ricordano, eppure hanno “rottamato” cambiamenti radicali nel campo della cura e dell’assistenza ai malati, agli anziani, ai disabili.

 

Alle Opere le Figlie di San Camillo, don Orione, don Guanella, Fatenebefratelli, non bastano la scienza, la tecnica, la fede ed il cuore, oggi a questi Operatori, San Camillo de Lellis direbbe “ più cuore in quelle mani fratello, più cuore” nei servizi riabilitativi, di ospitalità, rifugio intesi a sostenere l’inclusione delle persone diversamente abili, specialmente anziane .

 

Nella “ Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità” indetta dall’ONU nel 2013 “ rompi le barriere ed apri le porte per realizzare una società inclusiva per tutti” che in Italia il mondo della disabilità è attorno il 7%, ancora oggi si registrano discriminazione ed indifferenza,quasi totale .

 

Agli Ordini Religiosi Cattolici, specie quelli da noi citati, intensificate le Case di Riposo trasformandole anche in RSA, in grado di garantire una adeguata assistenza alla popolazione anziana autosufficiente o meno, le cui condizioni quotidiane sono molto labili e che costituiscono una grave emergenza dettata dall’isolamento relazionale di questa tipologia anziana “che la perdita di salute non è una ragione per discriminare alcune vite umane”come dice Papa Francesco “ è la più grave privazione che le persone anziane subiscono” .

 

Ricordiamo, anche, quello che suggerisce il Santo Annibale Maria di Francia riprendendo le parole di Matteo e Luca : “ Rogate ergo dominum messis ut mittat operaios in messem  suam” “ Pregate dunque il Signore della messe, perché mandi operai nella sua messe “ per quanti malmenano e deturpano la realtà e non curano le parole che uccidono .

 

E con le sagge parole del Beato Giovanni Paolo II° : “ Andiamo avanti con fiducia !

 

Previte

http://digilander.libero.it/cristianiperservire

La nostra Associazione per la promozione sociale costituita nel maggio del 1994 non ha richiesto nè gode di contributi economico-finanziari palesi od occulti.

 

 

 

 

 

 

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.