Notte indimenticabile: dal sorriso di Callejon alla mano di Higuain che batte sul cuore. Dal ritorno di Maradona alla finale di Roma: EMOZIONI!

1913317_715682311795751_13175581_o

Non c’è limite ad un’emozione che penetra in fondo al cuore. Stanotte Napoli farà grandi sogni, s’immaginerà a Roma il 3 maggio per ritornare dopo 2 anni all’Olimpico e giocarsi la Coppa Italia, stavolta contro la Fiorentina. Niente e nessuno poteva arginare la voglia, l’orgoglio e la convinzione di questa squadra, apparsa agguerrita e più fiduciosa che mai dei propri mezzi. Hanno vinto gli uomini e non i calciatori. Ragguardevole la città che quasi riempie il San Paolo in un giorno infrasettimanale. L’arrivo di Diego è la ciliegina sulla torta di una serata già perfetta di suo, da quando Higuain ha battuto la mano sul cuore, lasciando intendere ai tifosi “Mi sono innamorato di voi”.

Il Napoli con le grandi ha la possibilità di imporre il proprio gioco e la propria tattica: lo ha dimostrato all’andata, col Milan, con l’Inter, in Champions League. Quello di Benitez è un gioco con un’impronta decisamente vincente se la si confronta con realtà altrettanto ambiziose. Purtroppo il catenaccio all’italiana esiste ancora nel nostro calcio e ciò rappresenta un limite per gli Azzurri in campionato. Il gol e il sorriso di Callejon, la rete del Pipita, la firma finale di Jorginho sono attimi e ricordi che in un napoletano non andranno mai via.

Il 3 maggio, Roma aspetta Napoli e Fiorentina per una finale che si prospetta emozionante. Meno 80 giorni da stasera: notte indimenticabile che il napoletano conserverà nel cuore come quel 20 maggio 2012.

Fabio Corsaro

About Fabio Corsaro

Ho 22 anni e da quasi 3 primavere sono giornalista pubblicista. Dirigo la splendida redazione di Informare, di cui faccio parte dai miei teneri 16 anni. Sono laureato presso l’Università di Salerno in Scienze della Comunicazione e, in virtù della specialistica, mi appresto a fare esperienze internazionali (non ricordatelo a mia mamma). Per il resto avanti con un detto che non muore mai... Per aspera ad astra!