NO ALLA CHIUSURA DEL TRIBUNALE IN CASERTA : Casertani in Agitazione – Appello della Cisas alle Istituzioni

Sul rischio della chiusura della sede distaccata del Tribunale in Caserta interviene la Segreteria della Confederazione Cisas, che ritiene del tutto penalizzante l’eventuale provvedimento per la città di Caserta, unico capoluogo d’Italia a non essere sede di Tribunale, situato da sempre nel Comune di S. Maria C.V.

A nulla, in passato, nonostante ministri, sottosegretari e presidenti di commissione, sono valse le pressanti richieste dei casertani e del Consiglio Comunale di Caserta, al fine di ottenere la sede del Tribunale proprio nella città capoluogo.

Lo stesso Segretario della Cisas, Mario De Florio, anche quale consigliere provinciale e consigliere comunale, ebbe spesso, in passato, a sollecitare la istituzione del Tribunale in Caserta.

Ora, dopo la chiusura programmata per le sedi staccate di Marcianise, Piedimonte Matese, Carinola ed Aversa, chiudere anche quella di Caserta suonerebbe come una vera offesa ai casertani, visto che non è previsto alcun spostamento del Tribunale da S. Maria C.V. a Caserta.

Il Presidente del Tribunale di S. Maria C.V., Andrea Della Selva, è un Magistrato serio e di grande valore, oltre ad essere casertano – continua De Florio – e saprà far valere presso il competente Ministero le giuste istanze dei casertani, che non vogliono essere privati della sede staccata del Tribunale, tra l’altro solo recentemente entrata in funzione in un nuovo edificio, appositamente edificato.

La Segreteria della Cisas lancia un appello ai politici di ogni ordine e livello ed a tutte le Istituzioni casertane affinchè intervengano al più presto, prima di un provvedimento definitivo essendo strano il loro totale silenzio sull’argomento.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.