NAPOLI,LA FONDAZIONE VALENZI SI TINGE DI ROSA NEL PROGETTO :”DONNE DELL’ECONOMIA PORTENOPEA” .UN SETTORE DA ESALTARE E RIVALUTARE

images

Una manifestazione tutta volta al femminile  per esaltare l’imprenditoria  napoletana quella che si è svolta Giovedì 29 maggio al Maschio Angioino di Napoli .  La Fondazione Valenzi onlus –istituzione internazionale dedicata a Maurizio Valenzi ex parlamentale italiano ed europeo,sindaco a Napoli dal 1975 al 1983-con l’evento:”Napoli Eccellente: donne dell’economia partenopea” ha cercato di scoprire e far conoscere alla città le potenzialità e i risultati raggiunti da grandi donne dell’imprenditoria napoletana  promuovendo i migliori casi di eccellenza e innovazione nel campo dell’artigianato di lusso ,della gastronomia e della moda. L’evento si è aperto con il discorso della Presidentessa della Fondazione Lucia Valenzi ,l’esperta di gender studies Francesca Vitelli e la giornalista e autrice tv Mariangela Petruzzelli .  La presidentessa Valezi ha subito ringraziato tutti coloro che hanno  contribuito, soprattutto economicamente, a far crescere l’associazione ricordando di devolvere il cinque per mille proprio alla fondazione  al fine di promuovere i  diversi progetti che la stessa ha in serbo di porre in essere, ma a chiarire l’entità  e il significato dell’evento durante il discorso di apertura sono state le parole di  Francesca Vitelli curatrice della manifestazione, la quale ha esordito nel dire: “L’idea di questa serata nasce da un percorso che ormai dura da molti anni ,io sono convinta che l’economia non abbia genere non esiste un economia degli uomini e una  delle donne .Esiste un economia che mai come in questi anni è in grande difficoltà e proprio perché questo territorio ha delle assolute eccellenze ho sempre pensato che queste andassero sostenute e valorizzate in particolare esistono numerose realtà produttivi portate avanti da sole donne e  sono delle realtà belle, importanti,serie che non fanno altro che aiutare quest’economia sempre più in affanno, non è un caso che  questa sera qui siano presenti le migliori imprenditrici napoletane in tutti i settori  da quello sanitario alla cantieristica navale ,dalla gastronomia al turismo e sono qui perché con loro è iniziato un progetto che verrà reso noto  a settembre ovvero la pubblicazione di un libro che non a caso si intitolerà 50 e più profili di imprenditrici napoletane e le ho volute qui stasera proprio  perché sono convinta che solo dalle sinergie possano nascere cose importanti volte ad una crescita personale e sociale “ Punto cardine dell’evento ma ancor di più obiettivo primo della Fondazione Valenzi è quello di mettere in relazione e supportare una rete di donne impegnate nei campi dell’impresa e della cultura per il rilancio del tessuto produttivo e sociale di Napoli.  A tal proposito l’evento ha accolto tre donne leader nel proprio settore con la presentazione degli stand dell’azienda di moda e accessori Kilesa di Bianca Imbembo, dei gioielli artigianali di Sara Lubrano e degli accessori in seta della ditta A.Quaranta Locatelli di Silvana Di Giovanni  in nome del principio su cui si fonda l’evento ossia esaltare donne impegnate nelle proprie attività commerciali. La serata si è concluso con buffet curato e offerto dalla Miss Chef 2013 Luisa Cuozzo chef executive del ristorande Made in Food e con le parole dell’ideatrice del premio Miss Chaf Mariangela Pietruzzelli la quale ha concluso sottolineando nuovamente l’importanza dell’evento spostando l’attenzione sul premio di cui è ideatrice facendo riferimento al mondo femminile all’attenzione che queste pongono sia al lavoro che alla famiglia ,donne che si impegnano per esaltare il proprio lavoro, le proprie capacità al fine di contribuire al successo del  Made in Italy e dei prodotti  di cui il nostro territorio è ricco. L’evento è stato  indetto proprio per  far conoscere realtà imprenditoriali  di cui la donna è protagonista e di far conoscere nuovi progetti di cui la fondazione è promotrice come  il progetto “Bell e Buon “ volta  a porre l’attenzione sull’infanzia a rischio nelle vie della città partenopea.

Martina Giugliano

About martina giugliano

Nata il 05/02/1991 a Napoli. Laureanda presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II in Lettere Moderne. Addetto Stampa dell’Associazione “Social Evo“. Speaker radiofonica, tutti i venerdì curo la rubrica free time sulle frequenze di Radio Amore.