Napoli – Sabato 22 marzo alle ore 21.00 Mario Romano Quartieri Jazz

Locandina ufficiale Mario Romano Quartieri Jazz al Zurzolo Teatro Live Mario Romano OrkestrineSabato 22 marzo alle ore 21.00 Mario Romano Quartieri Jazz, nella duplice formazione del Trio e dell’Orkestrine, arriva alla Ztl, il Zurzolo Teatro Live (via Giuseppe Piazzi, 59, Napoli),
 
Ancora una volta protagonista sarà il neapolitan gipsy jazz nato dall’anima partenopea più autentica.
 
Con Mario Romano e la sua chitarra manouche compagni di viaggio in questo appuntamento sonoro sono:  Gianluca Capurro alla classica, Ciro Imperato al basso,Luigi Esposito al pianoforte e alla melodica a fiato, Emiliano Barrella alla batteria e percussioni, Caterina Bianco al violino e Martina Mollo alla fisarmonica.
 
Una serata in cui la Ztl piacerà di sicuro ai Napoletani e non.
 
Infatti il Zurzolo Teatro Live è ubicato nell’antica cappella Mauro restaurata ed ed è attorniato da un giardino grande e pieno di pace.
 
E’ centro d’aggregazione per il territorio e di formazione per il talento giovanile e ospita le varie forme dell’arte dalla musica al teatro, passando per le arti figurative.
 
Il contributo organizzativo per la serata è di 10 euro.
 
 
Per maggiori informazioni e prenotazioni:
 
Ztl 392 391 5529, 081.0331974

 

L’occasione è gradita a me ed a tutta la band Mario Romano Quartieri Jazz per ringraziarVi della costante attenzione e preziosa collaborazione ed augurarVi buon lavoro.
 
Addetto Stampa Dr.ssa Tania Sabatin

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.