Napoli, il Natale arriva prima: per il ponte di Ognissanti una serata di puro divertimento

tombola napoletana

A Napoli il Natale è avvertito in modo diverso, particolare, in tutti i sensi. Già a novembre, nelle prime serate di “freddo”, si incominciano ad organizzare i tavoli per le tombolate. Tutta la preparazione è un rituale: le cartelle da scegliere, il cartellone per controllare le uscite, i fagioli, i ceci, o altre schegge per segnare l’uscita dei numeri, la “posta” (il costo di ogni cartella) che ogni giocatore paga, senza mai superare il massimo di 1 euro. Si gioca in famiglia, tra amici e vicini, e la bellezza della tombola sta nell’unire tutti, vecchi e piccini. A giocarla sono capaci tutti.

È vero, anche in altri luoghi d’Italia si gioca, ma è monotona e ripetitiva. A Napoli, invece, è un’altra cosa.
Eravamo ragazzi quando scendevamo dal Vomero per andare giù, ai Quartieri Spagnoli, e bastava fermarsi ad un vascio per assistere allo “spettacolo”. E di vero spettacolo si trattava. A tirare il “panariello” era un “femminiello”, una figura tutta napoletana, accettata normalmente e senza riserve dal popolo, vero e proprio protagonista della serata. Ad ogni numero dava un significato che immancabilmente era a doppio senso: con arguzia e simpatia pronunciate, mai con volgarità. Il 29, per esempio, veniva semplicemente indicato come “‘O pate dè criature”, e l’allusione è ovvia. Si vedevano i visi ammiccanti e sorridenti delle più anziane insieme ai ghigni dei bambini maliziosi (non saprei come spiegarlo, ma a Napoli i bambini crescono prima: a 10 anni sono già adulti). Non finiva lì. Le battute e le allusioni continuavano con interventi delle comari, battibecchi e risate schiette, nonostante la non “ricchezza” di quelle persone. Il caffè, ovviamente, non mancava mai per tutti, ed era sempre buonissimo.
Se faceva più freddo invitavano ad entrare: “giovanò entrate, entrate… c’è posto, non vi preoccupate, tanto ci stringiamo!” Non ho mai compreso come fosse possibile che un esercito entrasse in una stanza tanto piccola. Tutto era pronto: si prendeva il paniere con i numeri, si roteava avendo il dito indice all’interno per non far cadere i cerchietti di legno, poi si toglieva e si apriva il palmo della mano per verificare che nulla ci fosse. Altri alzavano la mano e pronunciavano la fatidica formula: “a mano è libera”. Il gioco iniziava. Pertanto, se si vuole vivere un’esperienza diversa (soprattutto voi, cari giovani) e scoprire dal vivo la Napoli verace, semplice, povera, ma allegra e solidale, questa è l’occasione.

Noi come Informare ci saremo e nel prossimo numero racconteremo questa meravigliosa usanza con uno speciale.

TM

La tombola vajassa con Nanà

Venerdì 3 novembre alle ore 21.00 al Teatro Portalba, in via Port’Alba 30 a Napoli, la guida turistica Mani e Vulcani” presenta il primo appuntamento con “La Tombola Vajassa con Nanà”: uno spettacolo irriverente ed esilarante per rivivere l’atmosfera più verace dei vicoli dei Quartieri Spagnoli di Napoli.

La serata del 3 novembre è solo la prima di tanti appuntamenti che saranno replicati anche a dicembre e a gennaio. È consigliata la prenotazione. Previste serate speciali per gruppi, Cral ed associazioni.

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.