MUSICA NEL CORPO DI NAPOLI, LA RASSEGNA DEDICATA ALLA MUSICA NAPOLETANA DAL 600′ AD OGGI

Sabato, 23, domenica 24 e lunedì 25 la Napoli di un tempo, quella in musica  del  Salotto buono Napoletano dell’800 ma anche quella del canto delle Lavandaie del Vomero del 1200, ai più grandi classici di sempre va in scena nel cuore di Napoli, al MUSEUM (Largo Corpo di Napoli) per i primi appuntamenti di rassegna di CONVIVIO ARMONICO, MUSICA NEL CORPO DI NAPOLI, dedicata alla canzone napoletana dal ‘600 ai giorni nostri.

SABATO 23 E LA DOMENICA 24, alle ore 19.00,  la grande voce di PINA CIPRIANI, storica grande interprete  della canzone napoletana e dell’entroterra, con  NAPOLINSCENA. Percorsi sonori nella canzone napoletanail pubblico attraverso i secoli, in un viaggio nella storia di Napoli e della sua canzone: dal Canto delle Lavandaie del Vomero del 1200 ai brani della grande tradizione (‘O Sole mio, Passione, Fenesta Vascia, Era di Maggio, ecc). Lo spettacolo/concerto, nel cuore del centro storico, è un invito alla scoperta e riscoperta del patrimonio della canzone classica partenopea per i turisti che visitano Napoli, oltre che per i Napoletani stessi.  Per l’occasione verrà ristampato  lo storico Cd “ROSA, PRETA E STELLA” interpretato dalla Cipriani, offerto in edizione speciale –  libro con cd –  frutto della sinergia tra Area Arte Associazione ed Enclopius Edizioni. Il cd, tratto dal fortunato spettacolo dall’omonimo titolo  ideato e diretto da Franco Nico con la consulenza di Salvatore Palomba, che ha avuto più di 300 repliche nel corso degli anni tra Italia e Europa ( tra gli altri a Parigi, a Salonicco), è  stato negli anni ’90 del secolo scorso (ed è ancora oggi) uno delle produzioni di riferimento per l’interpretazione dei classici della canzone napoletana, grazie agli arrangiamenti per il quartetto d’archi del M. Raimondo Di Sandro e dell’allora talentuoso esordiente Daniele Sepe.

LUNEDÌ 25 APRILE alle ore 19.00, protagonisti del terzo appuntamento della stagione dal titolo “LA CANZONE DEI RICORDI ed altre storie” saranno  il mezzosoprano ROSA MONTANTO ed alpianoforte MAURO CASTALDO. Entrambi docenti e ricercatori presso il Conservatorio “N. Sala” di Benevento,  proporranno un ricercato programma che vedrà l’esecuzione de  “LA CANZONE DEI RICORDI” di Giuseppe Martucci (1856-1909), testo di Rocco Emanuele Pagliara (1856-1914). Il concerto sarà una rara occasione, essendo il brano poco eseguito, di ascoltare musica e testo di un grande musicista ed di un appassionato poeta. Martucci e Pagliara furono amici nella vita, questo ha certamente influenzato il connubio testo/musica di particolare effetto che ha generato uno dei capolavori della musica vocale da camera. Completano la proposta  sei romanze da camera diFrancesco Paolo Tosti,  allievo di Mercadante a Napoli, quattro in lingua (Vorrei Morire, Ave Maria, Malia, Ridonami la calma)  e due in napoletano, le celebri A MARECHIARO su testo di S. Di Giacomo e ‘A VUCCHELLA su testo di G. D’Annunzio.

CONVIVIO ARMONICO – MUSICA NEL CORPO DI NAPOLI vedrà tutti i fine settimana fino al luglio l’esibizione di  grandi artisti e d interpreti di un repertorio antico e moderno in un programma di concerti, tra chiese (Basilica di San Francesco di Paola e Sant’Angelo a Nilo) e luoghi di cultura (Museum), alla riscoperta di questa grande tradizione partenopea.

Nel week end successivo sono in programma il concerto “DALL’ARIA ALLA CANZONE” (29 aprile)con il soprano Daniela ESPOSITO  accompagnata dalla pianista  Maura SALIERNO con un programma che va da  Alessandro Scarlatti a  Tosti, ed ancora NAPOLINSCENA (30 aprile) con  PINA CIPRIANI.

La rassegna è a cura di AREA ARTE, Associazione culturale Mediterranea, che da anni conduce uno studio approfondito e ricerca della musica napoletana del ‘600 e del ‘700 e ne promuove la diffusione e la valorizzazione.

Ingresso 23 e 24 aprile 15.00 euro – 25 aprile 10.00 euro   ( biglietto comprensivo di degustazione)

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno. Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II. Entra nell'associazione "Officina Volturno" nell'agosto 2013. Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, "Leggi che ti passa". "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"