Itri, musica e antichi mestieri in mostra

Itri

In pieno ferragosto, quasi in tutte le contrade d’Italia si celebrano sagre ed eventi fatte di antiche tradizione e di storia dei territori, promuovendo prodotti tipici e turismo. Itri, in provincia di Latina è una cittadina molto accogliente e da anni, è meta preferita per il mio riposo naturalistico nel Parco degli Aurunci.
Una cittadina tranquilla, ben tenuta e dove tutto funziona, ma anche molto ospitale e con tante iniziative sociali e culturali. Da ricordare che Itri è un territorio di grande produzione d’olio d’oliva e di olive itrane, specialità internazionale; poi, l’infiorata, la festa della Civita e tante altre iniziative portate avanti dall’ottima Pro Loco locale.

Sabato 12 agosto, nello spazio della villa comunale, ben tenuto e funzionante, con tanti piccoli e ragazzi che giocavano in spazi attrezzati e con relativa animazione veniva rappresentata una mostra fotografica della storia della città, anche se, poteva essere preparata molto meglio, visto che raccontava la vita della città ed il suo trascorso.
Ma in questa manifestazione, visitata per caso, alla fine mi ha colpito il programma, interessante e innovativo.
Tra un concerto rock di buon livello, sotto i gazebo che circondavano il palco dei musici, non c’erano i soliti prodotti locali in vendita, ma si esibivano  artigiani che in modo diretto promuovevano la loro “arte” fatta di antichi mestieri e tradizioni millenarie, anche se qualcuna risultava simpatica e innovativa, ma il messaggio che passava, era chiaro: ritornare ai mestieri con orgoglio, passione e innovazione per poter avere nuovi spazi nel mondo del lavoro.

Uno scultore del legno, un artista barman del caffè, ma quello che mi ha colpito maggiormente è ormai mio amico, Andrea Langiotti (manager della Barberia Saccoccio) che ha portato la sedia da lavoro ed attrezzi in piazza e si è messo a lavorare, attirando la curiosità degli astanti, ed in modo particolare dei giovani, anche per il suo abbigliamento, sempre ricercato, di buon gusto, estroverso nei colori. Uno spettacolo nello spettacolo, la sua esibizione, particolare il modo di fare la barba e circondato anche da belle ragazze.
In sintesi, tra sagre e feste di piazza che avvengono in tutta Italia, Itri si è distinta per un messaggio positivo lanciato alle giovani generazioni e che nell’arte dei nostri padri e nelle tradizioni uniche e storiche che possiede il nostro Paese c’è spazio e futuro.

di Tommaso Morlando

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.