Mozzarella di bufala DOP e Reggia di Caserta, una partnership per le bellezze della Campania

La mozzarella di Bufala Campana Dop alla Reggia di Caserta: parte dal meridione il progetto pilota che porterà il meglio del Made in Italy agroalimentare nei luoghi di cultura più importanti d’Italia.

Mettere insieme i più importanti patrimoni della cultura d’Italia alle eccellenze enogastronomiche della nostra bella Nazione: una ricetta vincente, sempre annunciata e quasi mai concretizzata. Eppure, qualcosa si muove: dalla collaborazione tra Ministero delle Politiche Agricole e Beni Culturali, parte l’intesa tra Reggia di Caserta e il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana DOP, uno dei prodotti a denominazione d’origine più importanti d’Italia, un progetto pilota a livello nazionale, che porterà tra le bellezze e la storia custodita da musei e luoghi di cultura, il meglio della cultura enogastronomica ed agroalimentare del nostro Paese.
Il protocollo, verrà presentato oggi, ufficialmente, nel più celebre dei palazzi reali dei Borbone, già patrimonio Unesco, prevede che la Mozzarella di Bufala Campana Dop trovi posto dentro la Reggia con corner dedicati, e che il Consorzio, che dentro la Reggia avrà una sua sede, si impegni a finanziare piccoli lavori di restauro all’interno del sito, e a dargli ulteriore visibilità nei momenti di promozione internazionale, come show cooking, fiere e così via. E, in futuro, si pensa anche a degli “scambi culturali” tra i musei e le eccellenze di altri territori che, dopo la fase pilota, saranno coinvolti nell’iniziativa. Quindi, un tentativo di aprire una strada nuova per la promozione del “Made in Italy”, che parte concretamente e simbolicamente da un Sud in cerca di un riscatto che può trovare proprio facendo leva sulle sue ricchezze più importanti, la cultura e l’enogastronomia.
Il progetto sarà presentato in dettaglio nella tavola rotonda “Il patrimonio delle eccellenze: agroalimentare e beni culturali, la sfida del territorio”, nel “Salone delle Glorie”, che vedrà presenti, tra gli altri, il direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori, il direttore ed il presidente del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana, Pier Maria Saccani e Domenico Raimondo, oltre all’eurodeputato Paolo De Castro, al presidente Aicig e direttore del Consorzio del Chianti Classico Giuseppe Liberatore, Antimo Cesaro, Sottosegretario al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, e Luca Bianchi, capo dipartimento del Ministero delle Politiche Agricole.

Al termine dei lavori, ci sarà una visita alla Mostra Terrae Motus Cantiere e una degustazione di Mozzarella di Bufala Campana Dop in abbinamento con altri prodotti DOP/IGP italiani.

di Antonino Calopresti