Mondragone dopo le elezioni regionali… considerazioni del giornalista Attanasio.

alfonso_attanasio2_1355159072
Sulle ultime elezioni regionali abbiamo voluto ascoltare il parere del giornalista Alfonso Attanasio, da sempre attento alle questioni che riguardano il territorio di Mondragone. “Le elezioni regionali – dice – come quelle provinciali sono di primaria importanza soprattutto per la nostra città. Per fortuna, dopo la delusione delle provinciali dove nessun consigliere è stato eletto, alle regionali vi è la presenza di un nostro concittadino, Giovanni Zannini. Certo avrà un compito non facile far si che la Regione possa interessarsi della nostra città anche se non è facile gestire un territorio dove non c’è rispetto delle regole, dove ognuno fa quello che gli pare. Quindi si rende necessario affrontare il problema della sicurezza soprattutto garantire un controllo continuo sul territorio da parte delle forze dell’ordine in quanto la presenza massiccia di immigrati ed extracomunitari preoccupa non poco. I fatti di quest’ultimo periodo ce lo conferma, come lo scontro fisico e verbale di un centinaio tra appartenenti di diverse etnie sotto i palazzi Cirio e sulla Domiziana. Bisogna, quindi, non solo con l’Amministrazione locale, ma soprattutto con quella regionale, trovare risposte e soluzioni. Non dimenticando che Mondragone deve curare soprattutto il turismo che ha ormai abbandonato la città rivierasca. Bisogna invece che si riprenda questo discorso a cominciare a parlare ed intervenire sulla bandiera blu. Va sottolineato che il turismo mondragonese potrebbe essere concorrenziale solo se si saprà caratterizzarsi ed assumere una specificità rispetto alla realtà limitrofe, che al momento appaiono più appetibili. Il turismo a Mondragone non è stato mai oggetto di discussione seria da decenni a questa parte dalle amministrazioni. Il turismo non è soltanto mare, ma bellezze culturali, paesaggistiche, gastronomiche, folkloristiche e ricreative le quali potrebbero assumere, per certi versi, fonte di sviluppo e crescita”.