Mondragone: compravendita di cani randagi.

Sparizioni improvvise di cani randagi sul territorio di Mondragone e Castel Volturno è l’allarme lanciato da diverse associazioni animalisti e da volontari come Gianfranco Esposito. Quest’ultimo, presidente dell’associazione «Zampa Randagia» di Mondragone ha denunciato i “presunti animalisti” i quali, stando alle testimonianze raccolte dai cittadini, prelevano i randagi dalle strade con la forza , ovviamente senza alcun tipo di autorizzazione, per poi destinarli alla vivisezione. «Secondo stime approssimative – sottolinea Gianfranco – i cani scomparsi sul Litorale sarebbero circa duecento». Si teme un vero e proprio commercio di cani randagi. «Navigando su internet – continua Gianfranco – mi è capitato di vedere su alcuni siti tedeschi fotografie di cani in vendita a cifre comprese tra i trecento e i quattrocento euro». I volontari dell’associazione «Zampa Randagia» hanno già presentato circostanziate denunce ai due Comuni interessati. Le indagini sono in corso ma finora nessun provvedimento sarebbe stato preso. Inoltre, gli animalisti chiedono all’ amministrazione di Mondragone la ripresa della campagna di sterilizzazione necessaria per frenare il fenomeno del randagismo sul territorio. «Faremo tutto il possibile – assicura l’assessore all’ ambiente Benedetto Zoccola – con l’aiuto delle forze dell’ordine, su quanto segnalato e per la ripresa della campagna di sterilizzazione». «A tutti i cittadini del Litorale – conclude Gianfranco – chiediamo di fare attenzione a questi “pseudo volontari” e di segnalare sparizioni anomale di randagi».