MINISTERO DELLA DIFESA AERONAUTICA MILITARE Campochiaro, 03 Novembre 2015

aerosoccorritore in azione con il verricello
HH212 durante una fase dell'esercitazione
HH212 in approntamento al recupero Il Capo equipaggio in briefing con il CNSAS personale  mentre viene recuperato recupero con verricello                                                                                                                                                                                                                      9° Stormo 
Ufficio Pubblica Informazione

 Campochiaro,  03 Novembre 2015

IL 9° STORMO VOLA SUI CIELI DEL MATESE PER L’ESERCITAZIONE CONGIUNTA CON IL CNSAS

L’ATTIVITÀ RIENTRA IN UN CICLO ADDESTRATIVO PREDISPOSTO PERIODICAMENTE DALL’AERONAUTICA MILITARE, NEL QUADRO DI APPLICAZIONE DELL’ACCORDO TRA LO STATO MAGGIORE DIFESA ED IL CNSAS (CORPO NAZIONALE SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO).

 

Campochiaro, 03/11/2015 – Si è conclusa l’esercitazione congiunta di ricerca e soccorso (aereo e terrestre) denominata “GRA 02“, condotta sui monti del Matese in località Campochiaro (CB), che ha visto all’opera il personale dell’Aeronautica Militare del 9° Stormo di Grazzanise (CE) con un assetto HH212 ed unadelegazione del Corpo Nazionale Soccorso Alpino Speleologico (CNSAS) della XXVI^ zona alpina CAMPANIA-MOLISE.
Dopo un fase di predisposizione all’attività svoltasi nella giornata di ieri questa mattina un’equipaggio del 21° Gruppo Tiger del 9° Stormo è decollato alla volta del promontorio matesino per effettuare la fase operativa dell’attività finalizzata al recupero e soccorso del personale tramite verricello.

 

Tali esercitazioni si prefiggono lo scopo di affinare la capacità di integrazione e di interoperabilità tra le diverse componenti chiamate a concorrere alle complesse e delicate attività di ricerca e primo intervento, in occasione di qualsivoglia calamità naturale che si verifichi sul suolo nazionale.

 

“Condividere esperienze e procedure con le organizzazioni e le squadre dei soccorsi su terra costituisce sempre un’importante occasione per sviluppare ed accrescere quelle sinergie fondamentali per essere in ogni momento pronti ad intervenire quando ci viene richiesto, spesso in condizioni proibitive, di notte, con il maltempo, in zone particolarmente impervie ed isolate” – sottolinea il Comandante il 9° Stormo Colonnello Pilota Ivan MIGNOGNA – “in questo senso questa attività è sicuramente una grande opportunità per perfezionare sempre di più tecniche e procedure del soccorso aereo, un settore per sua natura complesso, che richiede una perfetta integrazione tra le realtà militari e civili nel delicato compito di soccorritori”.

 

Il 9° Stormo con i suoi assetti di volo e terrestri svolge  operazioni si supporto alla Forze Speciali e, quando attivati, di ricerca e soccorso di personale fornendo il supporto aereo alle forze di superficie e intervenendo, in presenza di feriti, con l’attività di evacuazione sanitaria d’emergenza. Il Reparto inoltre, con i Fucilieri dell’aria, concorrere  al dispositivo di sicurezza di rischieramenti militari all’estero, a operazioni di mantenimento della pace e di soccorso umanitario, nonché all’attuazione in campo nazionale di misure di protezione in occasione di grandi eventi  o di mantenimento dell’ordine pubblico.

 

Per le TV sarà inviato (a seguire) file video per relativo servizio.

Chiedesi, possibilmente, un feddbeck sulla pubblicazionesia online che su carta stampata al fine di consentire allo scrivente la relativa rassegna stampa.

Cordiali saluti.

Cap. Antonio AULETTA
Capo Sezione Personale e Ufficiale Pubblica Informazione

Aeronautica Militare

9° Stormo “Francesco Baracca”

Via dell’Aeroporto, 1

81046 Grazzanise (CE)

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.