Happy Milf – Musicisti da discoteca

Nella tavolozza musicale di cui la Campania racconta ogni sfumatura, alcune volte ritroviamo sperimentazioni poco convenzionali. Questo è il caso della band mondragonese Happy Milf, un progetto di musica tradizionalmente associata al mondo dei dj, riproposta in chiave strumentale. Ci troviamo in compagnia di Davide Migliore Junior in rappresentanza del gruppo musicale in questione.

Come vi è venuta l’idea per questo progetto?

«L’idea è scaturita dalla necessità di creare qualcosa di nuovo nell’ambiente musicale che ci circonda. Abbiamo deciso di sperimentare portando un’esperienza da discoteca in un contesto di musica live. Il progetto spazia dall’House al Trap al Dubstep, cercando appunto di ricreare un ambiente da discoteca».

Quali sono i componenti e qual è il loro compito all’interno della band?

«Siamo in quattro: io suono la chitarra elettrica e canto; Marco Matano che si occupa degli effetti sonori, computer e tastiere; Mirko Parisi alla batteria e Daniele Chianese al basso».

Secondo quale criterio scegliete le canzoni e in che modo le riarrangiate?

«Scegliamo le canzoni tra quelle che più ci ispirano un approccio strumentale. L’atto di riscrittura è molto semplice: inizialmente ci incontriamo io e Marco e cerchiamo di capire in che modo riprodurre i suoni e quali strumenti, elettronici o non, servano per la canzone. Poi andiamo in sala prove con Mirko e Daniele per strutturare definitivamente le varie parti e mettere tutto insieme per la canzone completa».

Avete una forte componente scenica. A cosa vi ispirate per le scenografie?

«La presenza scenica ricopre un ruolo importante nel nostro show. Noi cerchiamo di riportare ogni aspetto dell’esperienza “discoteca” in un contesto differente, quindi anche per le scenografie ci ispiriamo a quell’ambiente, ma essendo musicisti cerchiamo di integrare quello che ci ispirala musica agli effetti visivi, come ad esempio collegare gli effetti di luce ai ritmi della batteria».

Cosa ci riservate per il futuro?

«Stiamo preparando uno show definitivo per le uscite live, parallelamente ci stiamo preparando alla scrittura di canzoni inedite sperimentando quanto il più possibile all’interno dell’idea che ci siamo prefissati, stiamo cercando di strutturare un genere più definito, avendo inizialmente spaziato in un contesto più ampio».

Questi ragazzi sono un esempio tangibile della mancanza di limiti di fronte ad un’immaginazione artistica senza compromessi. Aspettiamo i loro prossimi lavori e gli auguriamo di continuare di continuare sulla via della sperimentazione.

di Mirko Zito
mirk.zito@gmail.com

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.