Recensione del libro di Mauro Mercuri “L’anello di zinco”

ANELLO ZINCO

Edito da Segni d’autore e scritto da Mauro Mercuri, stesso autore de “La Coccarda Rossa”, un altro capolavoro di libro, fumetto, saggio storico e romanzo. È un libro che non sarà possibile studiare nelle scuole dell’obbligo, almeno per i prossimi 150 anni… È un libro che parla della resistenza meridionale a seguito dell’assedio dell’esercito sabaudo. Racconta quella che fu un’invasione e non una pacifica “unione”: un episodio storico avvenuto durante l’assedio di Gaeta da parte di un criminale di guerra come Enrico Cialdini. Una granata mandò in mille pezzi una delle finestre della stanza che ospitava la Regina Maria Sofia Amelia di Baviera (sorella della futura imperatrice “Sissy” e moglie del galantuomo, e grandissimo Re, Francesco II di Borbone di Napoli). Sono noti i tanti esempi di eroismo e di resistenza della bellissima Regina, ma questo episodio è poco raccontato: infatti, dopo lo scoppio della granata, la Regina si rialzò con la guancia ferita da una scheggia; una scheggia che si era arrotolata come un anello che la Regina raccolse e mise al dito. Fu da quale momento che l’anello di zinco, inneggiante alla resistenza borbonica, divenne un simbolo perdurante per molti e molti anni ancora, nel silenzio della storiografia scritta dai vincitori. Consiglio a tutti la lettura di questo stupendo saggio storico con delle bellissime illustrazioni del maestro Lele Vianello.

di Angelo Morlando

Copertina L’anello di Zinco