L’UE vuole l’accesso ad Internet veloce in ogni classe entro il 2020

DirittoL’UE vuole l’accesso ad Internet veloce in ogni classe entro il 2020. Sogno o concreta possibilità anche in Italia?

 La Commissione Europea, per bocca del commissario europeo per l’Agenda Digitale, Neelie Kroes, vuole che l’Unione europea doti tutte le scuole di computer moderni e che consentano un rapido accesso a Internet. Per il membro dell’istituzione europea entro il 2020, tutte le aule dovranno essere “digitali”.

Una dichiarazione resa a Bruxelles mercoledì che trova conferma nel fatto che la Commissione ha lanciato un’iniziativa che sarà finanziata da diversi fondi dell’UE. Non solo, quindi, migliori attrezzature per le scuole, ma anche una specifica formazione degli insegnanti e l’accesso gratuito a programmi di apprendimento on-line.

Per Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” si tratta di un’importante notizia che ci fa sperare che anche in Italia possa essere attuata un’opera fondamentale di digitalizzazione che consenta di connettere al resto del mondo attraverso la rete anche la Nostra scuola e quindi i Nostri ragazzi che in molti casi anche per la crisi e per l’effetto di quel “digital divide” di cui da anni parliamo non hanno accesso alla rete o lo hanno in maniera molto limitata. 

Peraltro, la possibilità di utilizzare programmi per l’apprendimento e libri on line o digitalizzati, potrà abbattere notevolmente i costi a carico delle famiglie pesantemente colpite dall’altro annoso e non meno importante problema del “caro libri”.

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.