L’orrore nascosto negli allevamenti italiani

Un’inchiesta giornalistica sta svelando l’orrore di allevamenti intensivi dovemigliaia di maiali sono costretti a vivere in condizioni tremende, a mangiare nei propri escrementi, mutilati alla nascita. Sull’onda di questo scandalo postriamo costringere il Ministero della Salute a mettere fine a questa illegalità con una task force per controlli e sanzioni più efficaci. Firma e condividi:

FIRMA ORA
Cari avaaziani,lo scandalo sta scoppiando proprio in queste ore. Un’inchiesta giornalistica sta svelando l’orrore di tanti allevamenti intensivi in tutta Italia, dove migliaia di maiali sono costretti a vivere in condizioni tremende, a mangiare nei propri escrementi, mutilati alla nascita.

Ma basta guardare i dati per capire l’enormità di questa violenza: il 38% degli allevamenti di suini controllati nel nostro Paese è irregolare.

Siamo arrivati a questo punto perché non solo i controlli sono troppo pochi, ma quasi sempre gli allevatori ricevono solo dei richiami e non vere e proprie sanzioni. Secondo gli esperti la soluzione viene da una task force del ministero della Salute che potenziata e sostenuta sarebbe esattamente lo strumento necessario per avere più controlli, sanzioni più efficaci e dare supporto ai veterinari.

Sull’onda di questo scandalo ora possiamo fare in modo che il Ministero della Salute senta la pressione necessaria a sbloccarla. Firma ora e unisciti a chi chiede dignità per gli animali e rispetto per la salute umana:

https://secure.avaaz.org/it/italy_animal_rights_farms_5/?bjPFPgb&v=59016

Le leggi sul benessere animale esistono in Italia da anni. Ma per la mancanza o l’inefficacia dei controlli in troppi allevamenti sono ancora ignorate. Questo porta a situazioni inaccettabili di sovraffollamento e torture, ma potremmo essere a una svolta: il potenziamento della task force è stato chiesto anche dal Parlamento!

Gli allevatori dicono che adeguarsi alla legge è troppo costoso, ma in quei Paesi in Europa dove i controlli e le sanzioni sono stati rigorosi i regolamenti oggi vengono rispettati, e si è dimostrato che è possibile restare sul mercato anche rispettando leggi, diritti, salute e ambiente. Lo stesso succederà in Italia, se arriveranno i fondi e un forte mandato politico dal ministero.

Firma ora e condividi per spingere il ministero della Salute a dire “ora basta” e ottenere che si attivino gli strumenti affinché le irregolarità vengano punite e l’orrore di questi allevamenti finisca al più presto:

https://secure.avaaz.org/it/italy_animal_rights_farms_5/?bjPFPgb&v=59016

Poche settimane fa abbiamo lanciato una campagna globale per mettere fine all’abuso degli antibiotici nei grandi allevamenti, che generano super-batteri pericolosi anche per l’uomo. Abbiamo raccolto più di 1 milione di firme e stiamo per incontrare i ministri europei a Bruxelles, ma affinché le leggi abbiano un vero impatto bisogna farle rispettare. Ora possiamo fare un altro passo verso la fine di queste pratiche crudeli e pericolose.Con speranza e determinazione,

Luca, Luis, Francesco e tutto il team di Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI

[IMMAGINI FORTI] Dentro la carne: un’anticipazione dell’inchiesta all’interno degli allevamenti intensivi (Anno Uno, La7)
http://www.announo.tv/2015/05/unanticipazione-dalla-prima-puntata/

Allevamenti Intensivi, come vivono gli animali (Green Style)
http://www.greenstyle.it/allevamenti-intensivi-come-vivono-animali-132621.html

Relazione attività ispettiva 2013 (Ministero della Salute)
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2329_allegato.pdf

Sperimentazione animale. Il Senato approva (Quotidiano Sanità)
http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?approfondimento_id=6195

Allevamenti intensivi, trasporto animali vivi: “Ora il governo passi ai fatti” (Quotidiano Nazionale)
http://www.quotidiano.net/animali/animali-mozioni-ciwf-1.943543

Expo Inchieste: la via della «carne felice» e il dialogo (impossibile) sui diritti (Corriere della Sera)
http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_maggio_19/expo-inchieste-via-carne-felice-dialogo-impos…