Lo spazio negato

favorita

Il suggestivo “Parco sul Mare della Villa Favorita” a Ercolano, lo storico bosco della Reggia di Portici, il singolare “Parco urbano” prospiciente il mare di Portici (inaugurato nel 2011 e realizzato anche con fondi europei): che fine hanno fatto? O meglio, perché questi spazi sono stati sottratti al pubblico godimento? In un’area fra le più densamente popolate e cementificate d’Europa ogni spazio è importante, direi quasi vitale. Qui potevamo incontrarci, far giocare all’aria aperta i nostri bambini, illudendoci – anche se solo per un’oretta al giorno o nei weekend – di poterci avvicinare a quegli standard di vivibilità che tanto ammiriamo nelle altre città italiane. Questa libertà ci è stata negata nel silenzio generale dei mass-media e delle forze politiche. A chiedere informazioni si passa per scocciatori. Non si sa nulla… Enti che si rimpallano responsabilità e mire privatistiche… gestioni fallimentari… la solita scusa del soldi che mancano (“il personale costa!”), salvo trovarli immediatamente quando si tratta di deliberare costosi progetti, spettacolari eventi e nuove cementificazioni.

Gaspare Bisceglia