L’ISOLA DEI GIRASOLI . UN’ASSOCIAZIONE IN NOME DELLA CULTURA  E DELLA SOLIDARIETA’

isola La neo associazione L’Isola dei Girasoli ha indetto e svolto  Venerdì 20 maggio alle ore  10.00 nella’aula consiliare del Comune di San Giuseppe Vesuviano (NA) una conferenza stampa per promuovere  la cultura e riflettere sulle numerose  iniziative di sensibilizzazione messe in atto dall’associazione fondata dal musicista Leonardo di Lorenzo. Sono intervenuti durante la conferenza Dolores Leone, Vicesindaco ed Assessore alla cultura, Leonardo De Lorenzo presidente dell’associazione L’Isola dei Girasoli e musicista. Dott.ssa Maria Santoro, docente presso l’Università Federico II, Dipartimento di Scienze Politiche, Dott.ssa Carmelina Giugliano musicologa e musicoterapeuta del Centro Neapolisanit  ed  il Dott. Paolo Di Lauro, presidente L.i.v.e.s. Il Convegno  è stata aperta proprio dal vicesindaco Dolores Leone la quale ha cercato di porre l’attenzione sui tre concetti cardini su cui si fonda l’associazione quali : cultura, conoscenza e sensibilizzazione  . La stessa in merito a ciò ha esordito nel dire: << E’ necessario che le scuole in concomitanza con le famiglie abbiano la facoltà di trasferire ai bambini,che saranno gli adulti del futuro, il valore della condivisione ,della fratellanza giungendo ad avere  la capacità di guardare il prossimo senza nessun pregiudizio, senza osservare il diverso con quel pizzico di cattiveria che a volte i bambini hanno .Per far si che ciò non accada , per far si che una società sia davvero civile e volta al bene comune bisogna guardare alla collettività e non solo al singolo individuo, quindi la scuole , le strutture sociali e la famiglia devono riuscire  ad educare i più piccoli al rispetto delle regole e alla solidarietà >> Sì , è proprio la solidarietà e la sensibilizzazione  verso ciò che la società codifica come diverso e negativo uno dei temi portanti della conferenza ecco il motivo per il quale il fondatore dell’associazione L’isola del Girasole Leonardo De Lorenzo  ha esposto i vari progetti che la neoassociazione ha intenzione di porre in essere primo tra i quali  il concorso “Una favola per l’isola dei girasoli” rivolto  agli studenti delle scuole elementari e medie di San Giuseppe Vesuviano i quali avranno la possibilità di creare brevi storie che confluiranno successivamente in un libro  su temi complessi come la solidarietà,la malattia, l’ecologia e la paura di vivere in un territorio difficile come quello della terra dei fuochi con lo scopo da una parte di sensibilizzare i più piccoli e dall’altra di far esternare in maniera ludica e fiabesca sensazioni e sentimenti che diversamente i più piccoli non riuscirebbero ad esporre .Il secondo progetto che emerso dalla conferenza consequenziale al primo è la divulgazione del libro di fiabe all’interno di centri disabili, negli ospedali  e anche nei carceri femminili questo perché dice il fondatore dell’associazione:<< spesso e volentieri non si pensa mai come all’interno di ambienti  angusti e  negativi quali le carceri ci siano bambini che si trovano in quei luoghi solo perché figli di criminali e di persone che stanno scontando la propria pena quindi questa raccolta di fiabe potrebbe portare un po’ di  sorrisi e gioia  là dove serenità,felicità e amore  non sono sentimenti all’ordine del giorno>> Un altro aspetto su cui si è dibattuto molto è stata l’importanza e l’utilizzo della musica a scopo terapeutico per soggetti affetti da gravi malattie e importanti malformazioni  psicofisiche  a tal proposito è stata proprio la  Dott.ssa Carmelina Giugliano musicologa e musicoterapeuta del Centro Neapolisanit  ad esporre attraverso esempi concreti e dati statistici come la musica non deve esser considerata  solo  l’arte di combinare suoni gradevoli ma se impiegata per il ripristino,il mantenimento e il miglioramento di individui affetti da gravi malformazioni funge da terapie,  ecco il perché del binomio tra musica e terapia che l’associazione ha intenzione attraverso i propri progetti di portare avanti all’interno dei  centri disabili presenti sul territorio. A convegno concluso il fondatore dell’associazione Leonardo De Lorenzo ha ricordato a tutti i partecipanti che indipendentemente dai progetti lodevoli che personalmente sta portando avanti, nonostante l’impegno e l’amore investiti nella promozione e divulgazione  di  temi importanti come la solidarietà, il dolore di chi soffre , il diverso  e la cultura uno dei capisaldi che può rendere l’associazione un organizzazione forte e presente concretamente  sul territorio è il contributo morale ma  soprattutto economico che le persone possono offrire  per far crescere  tutti i progetti che l’associazione ha in serbo di realizzare  in quanto l’isola dei girasoli necessita di fondi e concreti aiuti per poter continuare ad esistere .
Martina Giugliano

About Fabio Corsaro

Ho 22 anni e da quasi 3 primavere sono giornalista pubblicista. Dirigo la splendida redazione di Informare, di cui faccio parte dai miei teneri 16 anni. Sono laureato presso l’Università di Salerno in Scienze della Comunicazione e, in virtù della specialistica, mi appresto a fare esperienze internazionali (non ricordatelo a mia mamma). Per il resto avanti con un detto che non muore mai... Per aspera ad astra!