Lilt e Consigliera di parità insieme il 31 maggio per la Giornata senza Tabacco

Martedì 31 maggio si celebra la Giornata Mondiale Senza Tabacco indetta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Alle ore 10.30 presso il Caffè del Centro in via San Carlo a Caserta, il Presidente provinciale della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (Lilt) Enzo Battarra, la Presidente della Consulta provinciale femminile della Lilt Angela Maffeo e la Consigliera di parità Francesca Sapone presenteranno una lettera aperta per la lotta al tabagismo. Hanno aderito alla manifestazioni numerosi rappresentanti delle istituzioni.

Le iniziative per la Giornata Mondiale Senza Tabacco proseguiranno sempre martedì 31 maggio alle ore 18 con un convegno informativo che si terrà presso la sala consiliare del Comune di Capriati a Volturno, grazie all’impegno fattivo dell’amministrazione comunale diretta dal Sindaco Giovambattista Viccione e grazie alla referente di zona della Lilt Caserta Sara Viggiano e a tutti i volontari.

La Lilt ha sempre focalizzato il suo impegno nella lotta al tabagismo con campagne di corretta informazione sui danni alla salute provocati dal fumo. Sensibilizzazioni che vengono intensificate ogni anno in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco.

L’uso di tabacco è la principale causa prevenibile di morte. Quest’anno oltre 5 milioni di persone perderanno la vita per malattie tabacco-correlate, come patologie cardiache, ictus, tumori, malattie respiratorie. E solo in Italia si registrano circa 40.000 nuove diagnosi di tumore del polmone.

 

Lilt Caserta Comunicazione

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.