LEUCIANA SUMMER FESTIVAL

bottari 1bottarivolumiaLEUCIANA FESTIVAL, LA PRATICABILE VIA DELL’ARTE.

DA VOLUMIA AI BOTTARI, LA FANTASIA INVADE IL BELVEDERE

 

L’arte che occupa i vuoti dell’architettura.

E il grande cortile di Re Ferdinando vede crescere al suo interno i volumi della sua utopia.

E’ quello che accade in questi giorni a LEUCIANA SUMMER FESTIVAL, organizzato dalla Città di Caserta con il contributo della Regione Campania e dell’Unione Europea per la direzione artistica di Donato Tartaglione, in corso di svolgimento fino al 30 luglio prossimo.

Così ai piedi della marmorea statua dell’impettito sovrano, vestito di austeri ed improbabili abiti romani, nasce appunto VOLUMIA, istallazione d’arte pubblica, architettura nell’architettura, sul progetto di una “Ferdinandopoli” in miniatura: una piccola città che si fa essenza urbana e declina a suo modo un concetto di spazio civico da abitare.

L’arte nell’arte. Ma anche e soprattutto, lo spettatore che l’attraversa senza barriere, nè remore e la vive perdendosi tra i suoi moduli e le sue varie altezze. VOLUMIA recupera il costruito di San Leucio e lo integra con il progettato, in maniera simbolica, riprendendo il concetto e specchiandolo con l’esistente. Ma siamo di fronte anche ad un’arte praticabile. E nei luoghi di socializzazione di questa pianta urbana le tribunette a tre livelli (profili di ferro, segnati dalla luce e coperti da semicerchi di legno) diventano ideali platee per seguire i concerti sul maxischermo in real-time. Mentre corridoi, specchi e luce soffusa trasformano, passo dopo passo, il breve viaggio in una lungimirante esperienza. Progettata da Diana Ciufo e curata da Isabella Indolfi per Seminaria, VOLUMIA è un’opera permeabile; ci sono luoghi da poter usare, altri nei quali soffermarsi a guardare, altri ancora dove riflettere ed altri ancora per emozionarsi.

L’opera è dedicata proprio alla città circolare, incompiuta, utopica, che però vivrà e sarà viva per gli spettatori del Festival. Il re di Napoli, infatti, aveva immaginato la sua città alle spalle dell’attuale Reggia di Caserta, ai piedi del Palazzo del Belvedere di San Leucio; essa avrebbe dovuto custodire le speranze di una città migliore in cui coesistessero la vita reale e quella operaia della colonia del re, in cui rivendicare i diritti di uguaglianza e del lavoro, principi fondamentali della società contemporanea. Nascendo da un’astrazione dell’ideale mappa circolare di Ferdinandopoli, “Volumia” sarà come una vera città, abitata dalle contraddizioni dei vuoti e dei pieni, di luoghi eterogenei, vissuti ma anche disabitati, incompleti e sognati

Ad accogliere gli spettatori del LEUCIANA SUMMER FESTIVAL una particolare colonna sonora, che scandisce i tempi della festa nel richiamo della tradizione più autentica. Sono, infatti, I BOTTARI DELLA CANTICA POPOLAREad esibirsi ogni sera ai bordi dell’istallazione con i loro ritmi tradizionali e al tempo stesso trasgressivo trasmettendo la forza delle loro stesse radici. Musica che precede la musica: un percorso iniziatico, capace di formare ed accompagnare lo spettatore nel suo approccio all’ascolto e nel suo avvicinamento al palco. Un nuovo modo di concepire l’arte in tutte le forme di possibile interazione e di senso del testimone.

Stasera in arrivo al Cortile dei Serici c’è ENRICO RUGGERI.

Domani, domenica 27 luglio, sarà la volta di NOEMI.

E poi RON (28.07), SAMUELE BERSANI (29.07) e AVION TRAVEL (30.07) per il gran finale “made in Caserta”.  Per tutte le info e la photogallery: www.leucianasummerfestival.it.

 

A tutti gli Organi di Stampa con gentile preghiera di diffusione

 

 

COMUNICATO n. 16

Caserta, 26 luglio 2014