L’esperto Alfonso Attanasio rileva alcuni errori della segnaletica stradale

 

 

 

error1?

 

 

Mondragone. Nel consiglio comunale che si è tenuto la scorsa settimana tra i punti all’o.d.g. c’è stato anche l’interpellanza sulla segnaletica stradale letta dal consigliere Francesco COLAMATTEO il quale, a nome di tutti i consiglieri di opposizione, ha chiesto come cittadino di collaborare accompagnato dall’esperto dott. Alfonso ATTANASIO per modificare la segnaletica a Mondragone.

A proposito di Attanasio gli abbiamo chiesto perché sedeva  nello spazio riservato ai cittadini e non al tavolo riservato ai giornalisti. “Per mancanza di rispetto nei miei confronti – ha sottolineato – il portavoce dell’Amministrazione, nonostante abbia ricevuto il mio invito, ha continuato a mandare i comunicati anche alla redazione del mio giornale. Io ero abituato a registrare le conversazioni di tutti nella seduta per poi ricavarne un servizio e pubblicarlo sulla gazzetta di Caserta. A questo punto non ho voluto più seguire i vari c.c.  in quanto, secondo l’Amministrazione, non rappresentavo più niente come giornalista. Mi sono chiesto perché solo al mio giornale e non agli altri, forse, perché avevano qualche giornalista che eseguiva gli “ordini” a loro favore? Successivamente mi sono accorto anche che, nonostante i miei suggerimenti, sulla segnaletica sono intervenuti altri per far capire lo sbaglio.  A questo punto voglio sottolineare che è passato più di in anno e il sindaco ancora non ha dato risposta al PUT (Piano Urbano del Traffico) consegnato il 14 luglio dello scorso anno a nome dell’Associazione “Insieme per la cultura”. Evidentemente non vuole avere suggerimenti dagli “estranei”. Io cerco di collaborare come cittadino essendo uno che ha avuto la possibilità di fare un corso in materia, ma non c’è verso. Ecco perché il consigliere Colamatteo, avendo un’ autoscuola e quindi è uno che di segnaletica ne conosce, mi ha chiesto di essere presente al c.c. proprio per chiedermi davanti a tutti i presenti la collaborazione sulla segnaletica. Ed io ho accettato perché voglio che Mondragone possa essere una città che si rispetti.

In questi ultimi giorni ho cercato tramite la Polizia Municipale di intervenire su alcune strade perché la ditta aveva messo dei segnali sbagliati come quello di via Leopardi dove avevano piazzato due segnali a ridosso della stradina stretta (uno di divieto di transito ai camion e l’altro di divieto di transito ai pedoni) . Su quello dei camion ho parlato nella stessa mattinata con l’ingegnere della ditta che subito ha evidenziato l’errore facendo spostare il segnale all’inizio della strada. Per quanto riguarda il segnale di divieto di accesso ai pedoni è stato tolto, come dicevo, perché sono andato al comando della Polizia Municipale per far capire cosa stava succedendo con foto.

A dir la verità – conclude Attanasio – hanno visto lo sbaglio della ditta e subito sono intervenuti facendo cambiare i segnali. Mi chiedo: ma quando la ditta deve eseguire questi lavori di segnaletica da chi vengono seguiti? E allora perché non avvalersi di un esperto prima di far fare i lavori doppi e magari pagarli due volte. Intanto a Mondragone vi sono ancora molti altri segnali sia verticali che orizzontali da modificare, e, come diceva il consigliere Colamatteo, bisogna intervenire ed io sono a disposizione”.

di Girolama – Mina Iazzetta

Info: minaiazzetta@libero.it