L’ENAC AVVIA SERIE DI INCONTRI IN VISTA DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO DEI LIQUIDI A BORDO DEGLI AEROMOBILI DALL’APRILE DEL 2013

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, in qualità di Autorità competente sul territorio nazionale nel settore della sicurezza dell’aviazione civile, rende noto di aver avviato una serie di consultazioni con gli operatori del settore in vista della liberalizzazione del trasporto dei liquidi nella cabina degli aeromobili che, come previsto da appositi regolamenti europei, entrerà in vigore a partire dal 29 aprile 2013.
A seguito della liberalizzazione, infatti, i liquidi potranno di nuovo essere portati a bordo della cabina degli aerei, ma solo dopo essere stati sottoposti a controlli attraverso macchinari altamente specializzati nell’individuazione di liquidi non conformi al trasporto.
Nella giornata di ieri, 11 giugno 2012, la Direzione Security dell’Enac ha avuto un primo incontro con i rappresentanti di Assoaeroporti, di Assaereo e di Ibar, le associazioni rappresentative degli operatori maggiormente interessati alla specifica problematica.
Durante l’incontro, in un clima di totale condivisione, sono stati individuati i punti nodali delle procedure da adottare per rendere funzionali le operazioni di controllo, senza compromettere operatività aeroportuali, e giungere quindi preparati alla scadenza indicata.
Dalla riunione è emersa la necessità di adottare dei percorsi sperimentali, presso aeroporti che verranno presto individuati, in modo da testare sia l’efficacia delle procedure, sia le tecnologie da impiegare.
La prossima riunione si terrà nel mese di luglio.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.