Caserta, Laura Morante in scena al teatro Comunale

Laura Morante

Venerdì 13 e Sabato 14 alle 20.45, Domenica 15 Gennaio 2016 alle 19.00 presso il teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana, sarà in scena Laura Morante, famosa per essere stata musa di Nanni Moretti (“La stanza del figlio”, “Bianca”, “Sogni d’oro”), con la compagnia Nuovo Teatro di Marco Balsamo, in Locandiera B&B di Edoardo Erba (liberamente ispirato a La locandiera di Carlo Goldoni) con Giulia Andò, Bruno Armando, Eugenia Costantini Vincenzo Ferrera, Danilo Nigrelli, Roberto Salemi. Scene e Luci Gianni Carluccio. Costumi Alessandro Lai. Suono Hubert Westkemper. Assistente alla regia Luca Bargagna. Regia Roberto Andò. Sabato 14 gennaio alle ore 18.30, Laura Morante e la compagnia saranno ospiti del ciclo di incontri “Salotto a Teatro”, condotti dalla giornalista Beatrice Crisci. 

Trama: In un’antica villa che sta per essere trasformata in albergo, Mira si ritrova coinvolta in una strana cena organizzata dal marito con ambigui uomini d’affari. Il marito non si è presentato e tocca a lei gestire una serata di cui non capisce clima e finalità.
Il suo unico punto di riferimento, il contabile della società, a metà della cena se ne va senza spiegazioni lasciandola in balia degli ospiti. Finché arriva uno sconosciuto che le chiede una stanza per riposare. I due sembrano irresistibilmente attratti e Mira si appoggia a lui per affrontare una situazione al limite del lecito, mentre via via si aprono squarci inquietanti sulle attività del marito assente.
Col procedere della notte, il gioco si fa sempre più pericoloso e ineluttabile. Ma che parte ha Mira? Davvero è così ingenua e sprovveduta come ci ha lasciato credere?

Humor nero, intrighi, crimini, infatuazioni, la commedia di Edoardo Erba, disegnando il sorprendente profilo di Mira, traccia con surreale leggerezza un inedito ritratto dell’Italia di oggi, un Paese amorale, spinto dal desiderio di liberarsi, una volta per tutte, del proprio passato, ingombrante e ambiguo, e ricominciare daccapo.
A dar vita a Mira, Mirandolina dei giorni nostri, dei nostri tempi di crisi, è una delle attrici italiani più raffinate, ironiche e intelligenti, tra le grandi muse del cinema d’autore italiano e francese, più volte vincitrice di premi prestigiosi come il David di Donatello, il Nastro d’Argento, il Globo d’Oro, il Ciak d’Oro, l’European Film Awards, ma non nuova alle tavole del palcoscenico.
Dopo gli esordi giovanissima con Carmelo Bene, ha fatto più volte ritorno in teatro, sia quando viveva in Francia sia a fine anni Novanta, prima con Monicelli poi con Franceschi, e di nuovo nel 2013 con Roberto Andò.

di Gabriele Arenare

About Gabriele Arenare

Classe '88. Laureato in Informatica (Tecnologie Multimediali), presso il dipartimento di Scienze e Tecnologie dell’Università degli Studi di Napoli "Parthenope". Diplomato in Fotografia pubblicitaria, Grafica pubblicitaria ed editoriale e Web Design presso l’ILAS (Istituto Superiore di Comunicazione visiva) a Napoli.