La forza delle rovine a Palazzo Altemps : “Lasciateci divertire. L’arte si riprende la scena”

palazzo napoli

“La forza delle rovine a Palazzo Altemps”. È questo il tema del terzo appuntamentodella rassegna “Lasciateci divertire. L’arte si riprende la scena” che si terrà giovedì 19 Novembre alle ore 18.00 nella Chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia. Introdotto da Marcello Barbanera, ideatore della mostra e professore di Archeologia classica presso l’Università La Sapienza di Roma, l’incontro vedrà la partecipazione di Michele Dantini,professore di Storia dell’Arte contemporanea presso l’Università del Piemonte orientale, Carlo Rescigno, professore di Archeologia Classica presso la Seconda Università di Napoli, e Valeria Parrella, scrittrice e giornalista.

Sebbene l’associazione rovine e archeologia sia la più immediata nell’immaginario comune, il tema delle rovine – al centro dell’esposizione in corso al Museo Nazionale Romano a Palazzo Altemps fino al 31 gennaio – riguarda in realtà ambiti molteplici: dalla letteratura alla filosofia e alla pittura, dalla teoria del restauro all’architettura e all’urbanistica, fino alla psicanalisi, alla sociologia e alla musica. 120 opere, tra materiali classici e testimonianze moderne, a ricostruire un ampio discorso che arriva alla contemporaneità e alle catastrofi del presente, tracce e simboli di memoria a rappresentare un monito ma anche fonti di energia creativa per il futuro.

Promosso dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Pompei, Ercolanoe Stabia in collaborazione con Electa e con la Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee di Napoli, il ciclo di incontri, che ha preso il via lo scorso 28 ottobre con il racconto della mostra “Pompei e l’Europa” al Mann e a Pompei, proseguirà con altri 2 appuntamenti, sempre alle ore 18.00. “Mostre contro Musei: combattimento per un’esposizione” il 26 novembre e “Il patrimonio culturale per l’identità e per la crescita della comunità. I nuovi direttori dei musei della Campania si presentano” il 3 dicembre.

Marcello Barbanera

Professore di Archeologia classica presso l’Università La Sapienza è stato borsista von Humboldt a Berlino e alla Columbia University di New York. Visiting professor all’Ecole des Hautes Etudes e all’Institut d’Histoire de l’Art a Parigi, è stato «Kress Lecturer» per l’Archaeological Institute of America, di cui è membro. Tra le sue pubblicazioni: Storia dell’archeologia classica in Italia (2015) e Metamorfosi delle rovine (2013) tema al quale ha dedicato la mostra in corso a Roma a Palazzo Altemps.

Michele Dantini

Professore di Storia dell’Arte contemporanea presso l’Università del Piemonte orientale, è stato visiting professor presso numerose università internazionali e ha diretto il Master in Educational Management al Castello di Rivoli – Museo di arte contemporanea. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Macchina e stella. Tre studi su arte, storia dell’arte e “clandestinità”: Duchamp, Johns, Boetti (2014); Geopolitiche dell’arte italiana. Arte e critica d’arte nel contesto internazionale (2012).

Valeria Parrella

Autrice di romanzi quali Lo Spazio Bianco, da cui è tratto l’omonimo film presentato alla 66a Mostra del Cinema di Venezia – Ciao Maschio, Ma quale amore – per il quale ha vinto il premio Tomasi di Lampedusa, e Lettera di dimissioni, ha lavorato per numerose produzioni teatrali, quali Antigone nel 2012 per il Teatro Stabile di Napoli, e ha fatto parte dal 2008 al 2010 del comitato di Direzione Artistica del Teatro Mercadante di Napoli. Collabora con La Repubblica e L’Espresso.

Carlo Rescigno

Professore di Archeologia Classica presso la Seconda Università di Napoli, ha diretto importanti scavi a Cuma e nell’Italia Meridionale nonché pubblicato numerose monografie e articoli critici.Tra i massimi esperti di decorazione architettonica della Magna Grecia, è stato Visiting Professor presso l’Università di Amsterdam. Attualmente collabora con la Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia coordinando un progetto di ricerca sui santuari di Pompei.

Martina Giugliano

About martina giugliano

Nata il 05/02/1991 a Napoli. Laureanda presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II in Lettere Moderne. Addetto Stampa dell’Associazione “Social Evo“. Speaker radiofonica, tutti i venerdì curo la rubrica free time sulle frequenze di Radio Amore.