La buona amministrazione del Sindaco di Pomezia Fabio Fucci: “Da 200 milioni di debiti a 4 milioni d’attivo”

Fino al 2012 Pomezia era una cittadina con circa 200 milioni di debiti, quasi al tracollo finanziario. Adesso può vantare 4 milioni in attivo nei bilanci comunali. Un cambiamento sostanziale nell’amministrazione ha reso questo possibile, e indubbiamente l’onestà del primo cittadino e della sua squadra ha fatto la differenza. Ma non solo, perché per raggiungere tali sorprendenti e tangibili risultati l’onestà non basta: occorre anche la concreta capacità di governare. Abbiamo quindi intervistato il Sindaco del Movimento 5 Stelle Fabio Fucci, che è riuscito a coniugare questi due aspetti fondamentali e a raggiungere per la sua città i suddetti, importanti traguardi.

Da quanto tempo è Sindaco di Pomezia? Come ha iniziato il suo percorso politico?
“Sono Sindaco da 2 anni. Prima sono stato Consigliere Comunale a Pomezia dal 2011 al 2013. La mia esperienza politica nasce invece nel 2007, quando presi parte al primo V-Day di Beppe Grillo. Mi sono ‘formato sul campo’, lavorando sempre sulle tematiche di maggior interesse per la cittadinanza.”

Quali sono state le sue prime azioni amministrative da Sindaco? Su cosa ha prioritariamente lavorato?
“In primis sulla riduzione degli stipendi ai dirigenti: abbiamo risparmiato 600 mila euro in questo modo ed è stato il primo segnale forte per la cittadinanza. Un altro atto importante è stato mandare a gara pubblica tutti i servizi per i cittadini: abbiamo recuperato 2 milioni di euro all’anno. Il denaro è stato così investito in opere pubbliche, ad esempio sulla manutenzione delle strade, un problema sentito dalla gente, altri 5 milioni in servizi sociali. Il primo anno è stato di preparazione, durante il secondo anno sono arrivati tanti successi.”

Sappiamo che il successo più grande è stato trasformare Pomezia da cittadina quasi al tracollo finanziario in cittadina con 4 milioni di euro all’attivo. Come si è arrivati a tale risultato?
“Semplicemente mettendo in ordine i conti, chiudendo per esempio una municipalizzata che costava tantissimo, tagliando le spese inutili e di affitto. Dal 2012 al 2014 siamo riusciti a invertire la rotta. Ora lavoriamo al potenziamento delle entrate: stiamo cercando di arginare il problema dell’evasione fiscale, che si combatte anche creando più servizi di orientamento al cittadino, spesso disorientato in merito ai pagamenti e senza un punto di riferimento informativo affidabile.”

Come vede il futuro di Pomezia e il suo come Sindaco? Cosa può dire a chi crede che sia impossibile cambiare in meglio le cose?
“Ad oggi penso solo ai prossimi 3 anni in cui governeremo. Sarà un lavoro duro, ma in futuro certamente più semplice e gratificante per noi e per i cittadini. A chi non crede sia possibile migliorare le cose dico di non scoraggiarsi, di guardare agli esempi positivi e di uscire dalla mentalità che accosta la politica alla corruzione: il politico incorruttibile dovrebbe essere la normalità e come tale va considerato.”

                                                                             Valeria Vitale

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.