Castel Volturno, la città è in agonia e l’amministrazione non ha la maggioranza reale.

Liberamente
Liberamente

L’esito del consiglio comunale ha mostrato innanzitutto una notevole difficoltà di tenuta della maggioranza, che non solo mancava di un componente, specificatamente il consigliere Armando Baiano, col quale probabilmente sussistono problemi di incompatibilità di interessi e vedute, ma che si compone ora di un ulteriore gruppo, costituito da tre membri, che rappresentano con ovvia certezza una discontinuità col resto della maggioranza e dell’esecutivo, tant’è che nell’unica votazione che avesse valenza politica, quella sul rinnovo dell’adesione al consorzio Unione dei Comuni – Caserta Sud-Ovest,  la proposta non è passata, e la maggioranza è stata battuta. Tra gli argomenti all’ordine del giorno figuravano le nostre interrogazioni sull’operato di ogni singolo assessore, che però la giunta si è riservata di discutere rinviandole temporalmente al compimento di un anno esatto dall’insediamento. Rispettiamo questa facoltà, tuttavia era necessario ed urgente sapere cosa gli assessori e in particolare i rispettivi assessorati, con le loro strutture, hanno fatto, dal momento che i consigli comunali vengono convocati solo di rado, se non su richiesta dell’opposizione. Il Sindaco appare in difficoltà anche in questo, la non convocazione frequente di consigli comunali, com’è evidente negli ultimi mesi, dimostra che ci sono problemi di tenuta all’interno della maggioranza e che questa naviga in cattive acque, viste le divisioni, le scissioni, i contrasti e le sponde che giungono all’opposizione. C’è un’evidente instabilità, i rapporti di compattezza si allentano ogni giorno di più. È mai possibile che un territorio con mille problemi come Castel Volturno debba essere governato in tal modo? Defezioni  già ci sono state, e sicuramente gli umori non sono dei migliori. Noi crediamo che forse non c’è più una maggioranza e che probabilmente ve ne saranno nuove ogni volta a seconda delle convenienze. Per questo svolgiamo e svolgeremo il nostro ruolo di opposizione fino in fondo, con coerenza e nell’interesse dei cittadini. Il sindaco infine ci ha accusati di esser stati incoerenti con la designazione del consigliere Giuseppe Gravante quale membro di opposizione in seno al Consorzio Unione dei Comuni. Non siamo stati incoerenti, la sua nomina è a tutela dell’opposizione per il periodo rimanente, ovvero fino al 2012, e abbiamo tutto il diritto di essere rappresentati.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.