Kombat 2018, il Napoli presenta la nuova maglia

Il Napoli ha presentato sul campo di Dimaro Folgarida la nuova prima maglia della stagione 2017/18: la Kombat.

Ecco la descrizione presente sul sito del Calcio Napoli:

La Kombat™ ha rivoluzionato per sempre le maglie da calcio.

Oggi, si evolve. Ancora. Nella tecnologia dei materiali, nelle soluzioni di dettaglio, nel design per renderne imbattibili la performance sportiva e il comfort.

La Kombat™ 2018 del SSC Napoli è stata progettata dal Centro Ricerca e Sviluppo Kappa per definire nuovi standard prestazionali. Il principio tecnico dello stop stopping (funzione antitrattenuta) raggiunge la sua espressione migliore, il movimento nell’azione di gioco non è mai stato così fluido e armonico.

Tessuti ultra leggeri e cuciture in nylon stretch per dare ancora più elasticità, traspirabilità e comfort. Il materiale particolarmente morbido e fresco dona al corpo un comfort singolare per una maglia da calcio e d è dotata di Hidroway protection che garantisce traspirazione e smaltimento facilitato del calore corporeo e un efficace raffreddamento.

Il principio tecnico dello “stop stopping” che ispira tutta la filosofia progettuale Kombat™ conquista un livello di efficacia superiore: la trattenuta risulta più evidente all’arbitro e l’interruzione del movimento più difficile.

Linea ancora più asciutta, tagli ergonomici e fitting stretch in puro stile Kombat™. Design pulito e ricercato e girocollo in contrasto colore e tessuto texturizzato così come sui lati e sul retro.

Ogni dettaglio ed elemento di personalizzazione è studiato per annullare gli sfregamenti sulla pelle e garantire il comfort totale.

Lo scudetto termo applicato sulla maglia è stato realizzato co patch ad alta definizione con effetto tridimensionale con base in microfibra ed inserti in silicone. Lettering e loghi Kappa sono in transfer ad alta densità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

About Fabio Corsaro

Ho 22 anni e da quasi 3 primavere sono giornalista pubblicista. Dirigo la splendida redazione di Informare, di cui faccio parte dai miei teneri 16 anni. Sono laureato presso l’Università di Salerno in Scienze della Comunicazione e, in virtù della specialistica, mi appresto a fare esperienze internazionali (non ricordatelo a mia mamma). Per il resto avanti con un detto che non muore mai... Per aspera ad astra!