IO? DRAMA IN CONCERTO 06/12 – MILANO – ALCATRAZ EVENTO SPECIALE PER I 10 ANNI DELLA BAND

iodrama-band-bende_300dpiIO? DRAMA IN CONCERTO

 

06/12 – MILANO – ALCATRAZ

 

EVENTO SPECIALE PER I 10 ANNI DELLA BAND

 

Il concerto che gli IO?DRAMA proporranno SABATO 6 DICEMBRE all’Alcatraz sarà di quelli speciali; viene celebrato il decimo anniversario della band milanese, che nell’ottobre 2004 si formava grazie all’iniziativa di Fabrizio Pollio, leader cantante e bassista.

 

La scaletta sarà anch’essa unica; verranno risuonati tutti i singoli pubblicati, dal primo “China sulla fine del mondo” (uscito nel 2007 e contenuto nel primo cd “Nient’altro che madrigali” all’ultimo “Babele” (tratto dall’ultimo album “non resta che perdersi” ed attualmente in rotazione su Virgin Radio ed altre 30 radio sparse per l’Italia); oltre a ciò i fan hanno scelto alcune canzoni che la band suona raramente dal vivo.

 

Tutto il concerto sarà ripreso per una futura pubblicazione.

 

FABRIZIO POLLIO – VOCE, CHITARRA, BASSO

VITO GATTO – VIOLINO

MAMO – BATTERIA

GIUSEPPE MAGNELLI – CHITARRA

 

BIO

Al loro primo concerto nel 2004 alla batteria c’è Luca Divina (che suonerà nella band fino al 2006), al basso Guido “Judas” Casella (fino al 2008) e alla chitarra Fabrizio Verbaxtrema Vercellino, (cofondatore della band insieme a Fabrizio Pollio), che li accompagnerà fino al 2012.

 

Con questa line-up pubblicano nel 2005 l’EP autoprodotto “Viscerale“.

Nel 2007 esce in tutti i negozi d’Italia “Nient’altro che Madrigali“, per Tube Records, caratterizzato da una vena sperimentale e un suono rock contaminato. Il disco riscuote un buon successo di critica e pubblico, ma sono l’impatto live e la peculiare teatralità a far parlare della band, che in due anni colleziona oltre 100 concerti. Dall’album vengono estratti due singoli video: “China sulla fine del mondo” entra in rotazione su Mtv e Rock Tv; “Il testamento di un pagliaccio” su All Music e Rock Tv ed esplode nel web. Oltre ai molti live come headliner gli IO?DRAMA aprono i concerti di Baustelle (al Palasharp, Milano), Marlene Kuntz, Linea7 e Tre Allegri Ragazzi Morti, e suonano sul main stage del MiAmi nel 2008.

 

 

Nel maggio 2010 esce per ViaAudio records il secondo lavoro “Da consumarsi entro la fine“, che al solido suono rock affianca un’inedita anima acustica. La produzione artistica è affidata a Paolo Mauri (Afterhours, Prozac+, La Crus) e agli IO?DRAMA stessi. Nella settimana precedente all’uscita dell’album il singolo in omaggio “Saverio” supera i 20.000 download. Il tour estivo, iniziato con un affollato concerto all’Alcatraz di Milano, li vede al fianco di Perturbazione, Baustelle, Motel Connection, Giorgio Canali e Marta sui Tubi. Il singolo “Musabella” entra in rotazione su alcune radio e ottiene un grande successo su Radio2. Il celebre programma “Caterpillar” elegge “Da consumarsi entro la fine” disco della settimana per quattro settimane e invita la band in diretta per un’intera puntata. Il 20 Novembre 2010 IO?DRAMA suonano all’Auditorium di Milano, assieme a Massimo Priviero, riarrangiando per l’occasione alcuni brani tratti da entrambi i dischi.

 

Durante il tour invernale 2011 gli IO?DRAMA lanciano la provocatoria proposta “Da consumarsi a domicilio”, entusiasticamente accolta dai fan, che contattano la band per organizzare concerti acustici nei propri appartamenti. A conferma della voglia di mettersi in gioco, IO?DRAMA suonano spesso in contesti non convenzionali (come le metropolitane e la Stazione Centrale a Milano), pubblicano il videoclip per sordi “Quello che lasci” e il videoclip sperimentale di “Nel Naufragio”, cui segue una versione eseguita in strada nel centro di Milano.

 

Dalla primavera 2011 IO?DRAMA sono impegnati in numerosi concerti acustici ed elettrici, per un nuovo tour che si protrae fino alla fine dell’anno.

 

Il primo maggio 2012 esce il nuovo ep “Mortepolitana” (1000 copie numerate e firmate dall’artista Cristian Sonda) cui segue un nuovo tour in tutta la Penisola, con un numero ingente di concerti al Sud, dove la band accresce velocemente la sua fan-base.

 

Dal 6 settembre 2012, dopo l’ultima data del tour a Carroponte (Sesto San Giovanni) a cui partecipano circa 1500 persone, IO?DRAMA si chiudono in studio per lavorare al nuovo album, con la produzione di Nicolò Fragile. Dodici brani in cui si riaffermano i canoni di qualità della band, un rock alternativo violento ed etereo, arricchito da un’elegante ricerca elettronica.

 

“NON RESTA CHE PERDERSI”, questo il titolo, è il loro terzo disco, uscito lo scorso 6 maggio 2014 da cui sono stati estratti i singoli “Non resta che perdersi” e “Babele”, entrambi messi in rotazione da VIRGIN RADIO e decine di altre radio in tutta Italia.

 


 

 

IO?DRAMA HANNO PRESENTATO “NON RESTA CHE PERDERSI” A

 

VIRGIN RADIO

INTERVISTA + LIVE  – 14 Luglio 2014

http://www.virginradio.it/video-singolo/videoId/2085/

 

TIGGìGULP di RAI GULP

INTERVISTA – 15 Maggio 2014

http://raigulp.blog.rai.it/2014/05/19/tiggi-gulp-dal-12-al-16-maggio/

 

RAI WR8 per la trasmissione “Era Ora – Il Lato C della Musica”

INTERVISTA – 6 Giugno 2014

http://www.wr8.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-6b300125-c5c4-40ee-b1d7-8036d7806aa7.html

 

 

IL VIDEO DEL PRIMO SINGOLO “NON RESTA CHE PERDERSI” E’ USCITO IN ESCLUSIVA PER ROLLINGSTONEMAGAZINE:

http://www.rollingstone.it/musica/news-musica/esclusiva-video-io-drama-non-resta-che-perdersi/

 

 

Lo streaming dell’intero cd è stato pubblicato su ROCKIT

http://www.rockit.it/iodrama/album/non-resta-che-perdersi/25638

 

 

IL SINGOLO “NON RESTA CHE PERDERSI” È STATO IN PLAYLIST SU

VIRGIN RADIO PER OLTRE TRE MESI

 

 

HANNO SCRITTO DI “NON RESTA CHE PERDERSI”

 

Tirati e cattivi quanto basta. La band milanese infila 12 tracce nella collanina del rock alternativo che se la intende con l’elettronica.

IL FATTO QUOTIDIANO – 9 Maggio 2014 – Diletta Parlangeli

 

Una sorta di viaggio ad occhi bendati tra i molteplici significati di “perdersi”: dallo smarrimento di sé alla mancanza di qualcosa, dalla sconfitta all’abbandono estatico, dal perdersi per esplorare fino alla paura di perdere chi si ama.

OUTSIDER – Giugno 2014 – David Fiesoli

 

 

I molteplici significati del perdersi, trovano qua dentro non certo la loro più congeniale cornice filosofica quanto una meno nobile, ma più suggestiva, piattaforma musicale di deflagrazione; ciò grazie alle disturbanti manovre su violino di Vito Gatto, al lirismo visionario di Fabrizio Pollio e ad un rock impattante ed effettato che anela alla vita – nonostante tutto.

ROCKIT – 3 Giugno 2014 – Antonio Belmonte

 

 

“Di due cose, fondamentalmente, possiamo gioire: del fatto che gli Io?Drama evidentemente hanno tanta voglia di essere vivi, e che “regressioni” come queste sono sempre le benvenute, in un panorama musicale dove una band che lascia il segno in termini di qualità ed innovazione è ormai, davvero, una… “perla rara”!”

100DECIBEL.COM – 23 settembre 2014 – Valentina Benvenuti

 

Non so se l’avete capito, ma adoriamo gli Io?Drama. L’originalità e l’intelligenza della loro proposta rasenta la perfezione. Adesso, però, è giunta decisamente l’ora che tutti se ne accorgano. Tutti. Nessuno escluso.

MUSICMAP – 16 Giugno 2014 – Andrea Rossi

 

Il pop inglese è sicuramente uno dei punti di riferimento più saldi, soprattutto quello nelle vesti moderne alla Coldplay negli ultimi lavori, e ne consegue che quando i ritmi e le chitarre salgono in cattedra sanno coinvolgere e scaldare.

RELICS – 11 Settembre 2014 – Simone Pilotti

 

 

Gli Io?Drama, hanno costruito un proprio carattere e un proprio marchio di fabbrica che li rende unici ma che allo stesso tempo li accomuna a più esperienze sonore già sentite e apprezzate. Un disco sicuramente da sentire.

SEESOUND – 2 Settembre 2014 – Mirco Calvano

 

Meno cantautorale, più rock, temi d’amore ed insicurezza, i testi rimangono sempre di alto livello, non ci si fanno molte illusioni nel mondo di questa band, i dubbi sono tanti, ma la speranza viene a galla.

ROBA DA ROCKER – 12 Luglio 2014 – Maurizio Donnini

 

In generale gli io?drama si riconfermano una band parecchio interessante, soprattutto per la grande credibilità con cui affrontano la dicotomia tra l’imponenza e la serietà dei contenuti alla leggerezza e purezza melodica, anche se in questo disco c’è una nuova componente sperimentale ed elettronica.

LA MUSICA ROCK – 19 Maggio 2014 – Eleonora Montesanti

 

 

Mai come questa volta, probabilmente, siamo di fronte ad un prodotto unitario, concepito, assemblato e registrato per essere un album, con un inizio, una fine ed un percorso coerente di mezzo. […] Questo è un lavoro che prende quota con il passare degli ascolti, che ha bisogno di essere gustato e assaporato a dovere, ma dove, alla fine, tutto funziona perfettamente.

IL SUSSIDIARIO – 7 Maggio 2014 – Luca Franceschini

 

 

 

 

IO?DRAMA

 

NON RESTA CHE PERDERSI”

(CAMARECORDS /SELF)

 

Uno spregiudicato terzo disco quello dei milanesi IO?DRAMA: un rock alternativo violento ed etereo, arricchito da un’elegante ricerca elettronica. I testi, pervasi di poesia cinica, si legano a melodie accattivanti e slogan che catturano l’attenzione, giocando con la lingua italiana.

NON RESTA CHE PERDERSI mette a fuoco le cifre distintive del quartetto e risulta coeso nel sound e nella poetica: armonie distorte di violino e chitarra sostenute da un groove monolitico di timpani e basso. Una sorta di viaggio ad occhi bendati tra i molteplici significati di “perdersi”: dallo smarrimento di sé alla mancanza di qualcosa, dalla sconfitta all’abbandono estatico, dal perdersi per esplorare alla paura di perdere chi si ama. Il tutto affidato alla produzione di Nicolò Fragile.

 

www.iodrama.com

https://www.facebook.com/iodrama

 

Etichetta: CAMARECORDS

http://www.camarecords.it/