IN 5000 A SALERNO PER IL BUONPESCATO ITALIANO

buon pescatoIN 5000 A SALERNO

PER IL BUONPESCATO ITALIANO

Conclusa ieri la tre giorni promossa dal Ministero

per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali

 

Si è conclusa ieri a Salerno la quarta rassegna GASTRONOMICA del buonPescato Italiano,  momento clou del progetto promosso dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali – Direzione Generale delle Pesca Marittima e dell’Acquacoltura e realizzato con il contributo del Fondo Europeo per la Pesca 2007-2013, che ha animato il lungomare del capoluogo cilentano con oltre 5000 presenze.

 

A inaugurare la kermesse è stato venerdì il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca. Nei 5 Convegni e nei 12 Cooking Show della Rassegna, ai quali hanno partecipato oltre 700 persone, sono intervenuti circa 80 chef, sommelier e autorevoli relatori. Nelle degustazioni gratuite sono stati consumati 450 chili di Lampuga, Alici e Sarde nonché 50 chili di mozzarella di bufala campana offerti dal Consorzio di Tutela. Oltre 150 i litri di vino di 15 etichette (13 delle quali appartenenti a 11 aziende dell’Enoteca Provinciale di Salerno) presentati dai sommeliers della delegazione AIS di Salerno. Nella giornata di sabato 450 bambini e ragazzi delle scuole salernitane hanno partecipato ai laboratori a cura del Gruppo Educazione Slow Food Campania e sono stati premiati dall’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Salerno, il Vicesindaco Eva Avossa. Infine 40 chili di “paste cresciute di mare” hanno allietato il gran finale della kermesse che ha visto protagonista il maestro pizzaiolo Salvatore Santucci in rappresentanza dell’Associazione Verace Pizza Napoletana.

 

Grande l’interesse riscontrato nei fruitori anche per il Mercato del Pesce promosso dall’Assessorato “Annona” del Comune di Salerno e che, aperto tutti i giorni sin dalle prime ore del mattino, ha esaurito il pescato “a miglio zero” proposto dalle Cooperative “Campania Pesca”, “Cooperativa Provinciale Pescatori Salerno” e “Acquamarina”.

 

A vincere i tre Concorsi messi in piedi per l’evento sono stati rispettivamente:

PIATTI D’AUTORE (Presidente di Giuria: Nicola Muccillo): lo chef Giovanni De Vivo per “Il flauto di Pan / Villa Cimbrone” (Ravello) e lo chef Pasquale Vitale per “Da Pascalò” di Vietri sul Mare.

PICCOLI MA BUONI (Presidente di Giuria: Angela Orabona): l’Istituto Comprensivo “San Tommaso D’Aquino”

CUCINO A CASA MIA (Presidente di Giuria: Rita Abagnale): Giosi Calabrò e Assunta Guerci.

 

L’evento è stato realizzato con il Patrocinio della Regione Campania, del Comune di Salerno, della Camera di Commercio di Salerno e dell’Autorità Portuale di Salerno con la collaborazione di Confcooperative Federcoopesca, Lega Pesca, A.G.C.I. AGR.IT.AL., Federpesca, Unci Pesca, API, ANAPI, Area Marina Protetta Punta Campanella, Slow Food Campania, Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop, IPSEOA “Roberto Virtuoso”, Ais Campania, Associazione Verace Pizza Napoletana, Associazione Nazionale “Cuoche a Domicilio”, Enoteca Provinciale di Salerno, Associazione Nazionale “Le Donne del Vino della Campania”, Casa di Baal, Azienda agricola “L’Oliveto”, Centrale del Latte di Salerno, Salerno Mobilità, Corpo di Assistenza “Humanitas Soccorso”, Gruppo Caramico Distribuzione, Grand Hotel Salerno, Azienda “iGreco”.

 

Approfondimenti, immagini e aggiornamenti in tempo reale su  www.buonpescatoitaliano.it e sulle pagine “Buon Pescato Italiano” dei principali social network.

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.