Il Napoli ritorna a volare. Higuain allontana spettri e Fiorentina. Si attende la Roma in una partita da giocare col cuore

1557434_627267363977535_150882221_n

 

Questo è il Napoli che Napoli conosce: bello, avvincente, emozionante e soprattutto vincente. La prestazione con la Roma aveva fatto ben sperare e il preludio per una rinascita si è confermato stasera con una vittoria meritata ed importante. La partita è bella e combattuta perché in campo ci sono 2 squadre che se la giocano a viso aperto senza proporre rigidi catenacci che fanno male al calcio giocato.

Higuain ha grande entusiasmo ed una voglia immensa di far gol. Ne fa due stasera. Si fa trovare al posto giusto nel momento giusto e grazie alle reti sue e quella di Inler spiana la strada, allontanando spettri e Fiorentina. Il gol di Taarabt serve “purtroppo” a scuotere gli animi degli Azzurri che hanno bisogno di sentire una scossa per poter reagire e soprattutto segnare.

Il gioco del Napoli appare fluido ed efficace, con grande qualità che circola in mezzo al campo e con l’intenzione di soffocare le idee agli avversari prima che in questi si accenda una “lampadina”. Le lacrime di Balotelli fanno impressione: ora bisogna capire perchè quel pianto ha rigato così il volto di SuperMario, quasi fosse in crisi d’identità.

Maggior pressing, grande spinta e tanta convinzione: come lo sono stati stasera, questi devono essere i presupposti per la sfida di mercoledì che si prospetta decisamente avvincente. Un San Paolo pieno e deciso attende la Roma. Vincere è l’unica cosa che serve, l’unica cosa che conta per approdare in finale.

Fabio Corsaro

About Fabio Corsaro

Ho 22 anni e da quasi 3 primavere sono giornalista pubblicista. Dirigo la splendida redazione di Informare, di cui faccio parte dai miei teneri 16 anni. Sono laureato presso l’Università di Salerno in Scienze della Comunicazione e, in virtù della specialistica, mi appresto a fare esperienze internazionali (non ricordatelo a mia mamma). Per il resto avanti con un detto che non muore mai... Per aspera ad astra!