IL GEMELLAGGIO DI CHIAIANO E GIUGLIANO: UNITI CONTRO LE DISCARICHE

eco fascia costieraScelte criminali hanno unito i cittadini che si oppongono ai soliti diktat dei commissari “ad acta”. “Travolti da un solito destino” …

La nefasta notizia dell’apertura di due nuove discariche, una  a Chiaiano e l’altra Giugliano ha destato un grande allarme e l’immediata mobilitazione dei comitati cittadini e delle associazioni che si sono unite per contrastare l’ennesima scelta scellerata che si abbatte su un territorio che di tutto avrebbe bisogno, tranne che di nuove discariche. Siamo in presenza di un accanimento verso determinate zone, sempre le stesse, che nei loro confini hanno visto “fiorire” nel corso degli anni decine di discariche delle peggiori specie che con la scusa dell’emergenza  rifiuti  hanno ingoiato di tutto .

Per combattere contro scelte imposte, come al solito dall’alto, in violazione  delle leggi che ne impediscono la localizzazione. Oltraggiare ancora  i cittadini “travolti, ma uniti da un solito destino”.

Parte da Chiaiano una delle prime manifestazioni di protesta e noi come associazione E.C.O. Fascia costiera e cittadinanza di Giugliano, aderiamo alla manifestazione di  SABATO 29 marzo alle ore 16, point di ritrovo presso la  fermata della metrò di Chiaiano.

L’indignazione e i timori sono forti e l’affermazione del diritto alla vita sono i motivi che spontaneamente ci uniscono in un gemellaggio, che nella sua accezione più pura indica un legame simbolico stabilito per sviluppare strette relazioni politiche, economiche e culturali. Purtroppo in questo caso così non è, o almeno non lo è ancora, in quanto ci ha uniti e ci unisce la voglia di rivincita e di riscatto contro decisioni che mettono in pericolo il vivere civile e tutto l’ecosistema. È appena il caso di ricordare che la discarica di Chiaiano è attualmente sotto indagine in quanto i lavori di costruzione della stessa e la conseguente gestione non hanno rispettato le leggi in materia. C’era da aspettarselo, eppure gli allarmi erano stati lanciati, ma l’allora commissario Bertolaso non ascoltò nessuno.

Ed è ora di dire basta al business della monnezza in nome di “discariche ed inceneritori”…

Ora  “ri”eccoci a qui a manifestare insieme. L’unione ci rende più forti e la distanza non ci separa, ma ci rafforza. Noi proponiamo altro: differenziata, bonifiche, risanamento ambientale e concertazione. Nulla di più. In un paese civile dovrebbe essere la regola.

Francesco Romeo

Lucia De Cicco

E.C.O. Fascia costiera

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.