GRAZZANISE-   TUTTO DA RIFARE AL CIRCOLO ANZIANI

GRAZZANISE Membri del seggio elettorale al Circolo Anziani 031214

GRAZZANISE: 110 VOTANTI MA ELEZIONI INVALIDATE

Non s’è raggiunto il quorum di 143 unità. Si bissa giovedì 11 dicembre

 

GRAZZANISE (Raffaele Raimondo) – Al Circolo polivalente per anziani e pensionati di Piazza Roma si voterà nuovamente giovedì 11 dicembre (in orario 9-12 e 14,30-18). Lo ha reso noto la “direzione” del sodalizio, giacché le elezioni svoltesi il 3 scorso, per il rinnovo del Comitato di Gestione (triennio 2014/2017), sono state invalidate. Non s’è raggiunto infatti il quorum del 50% + 1 dei votanti effettivi. La lista degli iscritti faceva contare 283 iscritti, dunque la sicura maggioranza era di 143 unità, ma all’urna si son recati in 110. Queste le preferenze registrate: 36 per Giuseppe Tescione (presidente uscente); 29 Maria Crisci; 13 Fiorenzo Petrella; 11 Raffaele Raimondo; 10 Nicola Tessitore; 1 Angelo Mozzillo. Voti tuttavia dichiarati inutili, in quanto, in base all’art.6 del regolamento interno, si dovrà ripetere la consultazione che, in seconda battuta, sarà valida, purché partecipino almeno 20 aventi diritto. Una vera e propria stranezza regolamentare, laddove si consideri bene l’enorme scarto che si nota fra il risultato voluto da oltre cento associati e quello che verrà fuori anche soltanto da un quinto di tale cifra iniziale. Frattanto resta in carica il Comitato di Gestione precedentemente eletto.

Comunque, presso il Circolo che quest’anno celebra (?) i suoi vent’anni di attività sembra tutto da rifare. Ed almeno per tre ordini di motivi riconducibili alla “platea”, alla “normativa” generale e locale, alla “programmazione” delle iniziative. Circa la platea, deve esser detto che sulla carta stanno i 283 soci, ma la frequenza abituale viaggia al di sotto delle dieci unità. Solamente il consolidato del sabato sera richiama un più nutrito gruppo di maturi signori e signore in vena di divertimento. Dunque c’è da sfrondare l’esercito rendendolo numericamente verosimile e andrebbe potenziata la consistenza del Comitato di Gestione che, oltretutto, adesso pare organizzativamente gracile. Quando, nel 1994, fu inaugurata la sede del “polivalente”, era al termine del suo mandato la Commissione straordinaria Provolo-Sorbo-Argirò. Ora, nella ricorrenza del ventennale, s’appresta a concludere il lavoro un’altra Commissione parimenti straordinaria: Migliorelli-Quaranta-Auricchio.

Stessa coartante situazione al Comune; nessuna grossa novità di rilievo al Circolo. Necessita allora, nel rispetto delle norme, un colpo d’ala che passi anzitutto attraverso un indispensabile forte “investimento” dell’Ente locale (sulla scorta delle attuali direttive regionali) e una conseguente profonda modifica del regolamento riguardante il funzionamento. Circa la programmazione, è ancora preistoria. Ed è tutto da riavviare, fra l’altro, il sistema locale di assistenza domiciliare ai malati della terza età. Su questa scia, essendo notte fonda per le “strutture residenziali di accoglienza” (in Campania infatti v’è un posto-letto “per ogni 120 abitanti, anziché uno per ogni 42”), bene si farebbe ad avviare un censimento grazzanisano dei bisogni specifici e battersi affinché si trovino risposte adeguate.