GRAZZANISE: MANCANO SOLDI PER LA MANUTENZIONE? “SENSO CIVICO” COLLABORA

GRAZ LA LIGNEA PENSILINA SFONDATA DELLA SCUOLA DON MILANIRaffaele Raimondo

cronista free lance

e-mail: raffaeleraimondo1@virgilio.it

                   Le forze politiche “s’affollano” su scuole e frazioni…  

GRAZZANISE: MANCANO SOLDI PER LA MANUTENZIONE? “SENSO CIVICO” COLLABORA

Per ricostruire le pensiline “della concordia” di due edifici scolastici

 

GRAZZANISE – Il Comitato “Senso Civico” non si concede pausa. A ventiquattr’ore dal “proclama” sulla democratica volontà di redigere “con la gente” il suo programma elettorale in vista delle prossime  amministrative, torna sul tasto-scuole con questa lettera alla Triade che regge le sorti del Comune; “Sigg. Commissari, desideriamo sottoporre alla Vostra  attenzione il problema della pensilina di accesso alla Scuola Primaria “Don Milani” e quello della palestra  della scuola della frazione Brezza. Riguardo alla prima, in data 2/11/2012, il Comitato si preoccupò di comunicare alla Dirigente Scolastica pro tempore la propria disponibilità a farsi carico della ristrutturazione della stessa assicurando di realizzarne la copertura in tempi brevissimi. Tralasciamo la ricostruzione cronologica dei passaggi istituzionali, successivamente intrapresi anche con il Commissario Straordinario, dott.ssa Vittoria Ciaramella (ricordiamo che è già disponibile il computo metrico e la lista delle lavorazioni e forniture previste per l’esecuzione dell’opera o dei lavori), per rilanciare quella proposta, laddove si rendano disponibili risorse comunali (ovviamente gestite dall’Ente) esclusivamente per l’acquisto dei materiali. Per quanto attiene allo stato di degrado della palestra della scuola della frazione Brezza, rappresentiamo la disponibilità del Comitato , anche qui in presenza di risorse rese disponibili gestite dell’Ente locale per l’acquisto dei materiali, di provvedere al rifacimento del parquet, al fine di garantire la piena fruibilità dell’impianto. Siamo sicuri che, come è accaduto per il ripristino delle aule, si creerà la necessaria intesa finalizzata esclusivamente al bene dei bambini e a garantire la disponibilità di un luogo di incontro e di crescita umana e sportiva. Fiduciosi nella disponibilità della Commissione, restiamo in attesa di riscontro”. Chiaro, dunque, l’intento dichiarato:comunicare la disponibilità a realizzare, in collaborazione con l’Ente comunale, i lavori di sistemazione della pensilina delle scuole primarie di Grazzanise-centro e della palestra della frazione Brezza. Lodevole la prontezza a svolgere pure un’azione di manovalanza, pur di far risparmiar denaro al Comune e restituire funzionalità a due mini-strutture. Tuttavia, il caso vuole che l’ing. Federico Conte il Sabato Santo, annunciando una petizione popolare, ha scritto: “Noi della civica Nuovi Orizzonti abbiamo sempre combattuto per la risoluzione di questi problemi cercando di raggiungere sempre l’obiettivo prefissatoci. Ciò che mi preme in questo momento, però, è cercare di dare un contributo positivo/costruttivo per cercare di risolvere alcuni problemi che a prima vista sembrano affrontabili e superabili con piccole spese.

1.Ripristino della palestra della scuola di Brezza 2.Ripristino della pensilinaantistante la scuola elementare Don Milani di Grazzanise”. Insomma una convergenza impressionante! Se poi si ricordasse che il Circolo Pd “N.Iotti” alcune settimane addietro ha svolto un volantinaggio nelle due frazioni, sollevando, a sua volta, anche le disfunzioni degli edifici scolastici, allora si potrebbe addirittura coniare la locuzione “pensiline della concordia”. Nondimeno, bisogna realisticamente annotare il reciproco silenzio delle tre formazioni ed auspicare che la “competizione sul problema” nutra la “gioconda gara”, scongiurando però …distrazioni su altre importanti questioni.

                                                                                                                               Raffaele Raimondo

 

 

 

 

 

About Tommaso Morlando

Giornalista pubblicista - Fonda il "Centro studi officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani...ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.