ON un giradischi tutto napoletano

Giuseppe Pinto autodidatta per passione, costruisce in un sottoscala di Materdei a Napoli, ON il giradischi che sta incantando i saloni internazionali dell’hi-tech.

Progettato nel sottoscala di un antico palazzo del centro storico di Napoli, un nuovo giradischi compatto sta conquistando gli appassionati di alta fedeltà di mezzo mondo. Si chiama ON, acronimo di old-new, tradotto letteralmente antico-nuovo, per l’aspetto retrò e le funzionalità di ultima generazione, ed è realizzato dall’autodidatta Giuseppe Pinto.

La storia di questo giradischi, che gestisce sorgenti sia analogiche sia digitali, nasce nel laboratorio-officina di Pinto. Anzi, 80 anni prima: il fonico napoletano, oggi 33enne, eredita la passione per i dispositivi elettronici fin da piccolo grazie ai nonni radiotecnici e a un amico di famiglia, ingegnere meccanico, da cui impara a costruire.

A 10 anni Pinto assembla il suo primo amplificatore, alle scuole medie progetta una radio e, quando cresce, abbandona il primo anno di ingegneria all’università per allestire un vero e proprio laboratorio in un vicolo di Materdei. Qui fornisce assistenza tecnica e coltiva invenzioni, come il prototipo del giradischi ON. Con l’aiuto dei designer Fabio Chianese ed Ettore Ambrosio dello Studio Zetae e il sostegno di Angelo Punzi della Gma di Giugliano, il giradischi entra in produzione per la gioia degli amanti del vinile ma anche dei consumatori di musica digitale.

Il giradischi ON è in realtà un sistema plug and play integrato dal design minimale che combina elementi tradizionali, finiture in legno, valvole di preamplificazione a vista, e materiali innovativi,  piatto rimovibile e manopole in Corian, braccio in fibra di carbonio, collegabile a computer e dispositivi mobili via Usb o Bluetooth. In pratica, è sufficiente disporre di una coppia di altoparlanti per goderne appieno il suono.

ON è stato presentato a Monaco lo scorso maggio, ma ha suscitato ammirazione in tutti i saloni internazionali dell’hi-tech, da Parigi – esposto all’ultimo piano della torre Eiffel – a Londra, in attesa del prossimo Ces di Las Vegas. In bella mostra alla Fonoteca di Napoli, lo si potrà acquistare in 80 paesi oltre all’Italia nelle tre versioni da 100, 250 o 500 watt di potenza a un prezzo che varia dai 3.000 ai 5.000 euro.