Le Frecce Tricolori

frecce tricolori

 

Entusiasmante. Unici nel loro genere. Pazzamente straordinari. Solo così si possono definire i piloti delle nostre Frecce Tricolori che oggi nel primo pomeriggio hanno effettuato una esercitazione di gran livello, stile Top Gun, presso il 9° Stormo “Francesco Baracca” di Grazzanise. Veder sfrecciare ad altissima velocità, questi veicoli condotti da piloti selezionatissimi e al massimo del professionismo, da una sensazione di potenza e allo stesso di tempo di libertà assoluta.

Frecce Tricolori lassù, impegnati nel loro attento e preciso addestramento e noi tutti giù, a terra, con il naso e gli occhi all’insù. Essere al posto di uno di quei piloti per poter provare la loro attitudine a volare, il loro saper fare, il loro saper andare oltre, quando si presenta la necessità, deve essere una vibrazione, unica. Per questo si sa di essere potenti ma soprattutto si sa di essere liberi. Volteggiare e volare, nelle varie formazioni deve trasmettere tanta adrenalina da farti sentire unico, una cosa sola, pilota e aereo.

La storia della nostra Pattuglia Acrobatica Nazionale nasce nel 1° marzo del 1961 presso l’aeroporto di Rivolto ed è costituita all’interno del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico. Con dieci aerei, condotti dai selezionatissimi e migliori piloti dei vari reparti, di cui nove in formazione e uno solista, rappresentano la pattuglia acrobatica più numerosa del mondo, ed il loro programma di volo, comprendente una ventina di acrobazie e della durata di circa mezz’ora, le ha rese le più famose.

Essi sono oramai un biglietto da visita dell’Italia e dell’Aeronautica Militare nel mondo e per tantissimi italiani è un motivo di vanto. Tanto è il successo delle nostre Frecce Tricolori negli anni che la casa motociclistica Aprilia nel 2005 stipulò un contratto  con questo reparto dell’Aeronautica Militare.  Nel 2010 la casa automobilistica Pagani Automobili realizzò tre esemplari della supercar Zonda con livrea in carbonio e bandiera tricolore sul cofano anteriore. Non per ultimo è importante  dire che un aereo delle Frecce Tricolori è ospitato sulla portaerei statunitense USS Intrepid, adibita a museo aeronavale nella città di New York.

Grazie perchè oggi mi sono sentito orgoglioso di essere Italiano.

di Antonino Calopresti

calopresti.antonino@libero.it