FORESTALI SENZA FUTURO IN CAMPANIA SUBITO UNA LEGGE AD HOC

2june2006_319

«Anche l’Ugl Agroalimentare non mancherà all’importante appuntamento del primo maggio a Napoli, più precisamente nell’area di Bagnoli. La Regione Campania, per quanto riguarda il nostro settore, è frammentata da tante vertenze (Coca Cola, Unilever, Zeta Surgelati) che stanno contribuendo ad estendere ulteriormente la desertificazione industriale e il conseguente aumento della disoccupazione». E’ la denuncia di Paolo Mattei, segretario Nazionale Ugl Agroalimentare, in vista della manifestazione organizzata dalla Confederazione il prossimo 1° maggio. «Sono tante le problematiche che affliggono l’agroalimentare ma, tra le tante vertenze che hanno messo in ginocchio il settore resta al primo posto la forestazione e, quindi, il futuro di migliaia di lavoratori che non percepiscono da oltre 9 mesi lo stipendio». «L’Ugl chiede a gran voce, e lo farà anche in occasione della giornata del 1° maggio, una legge che riorganizzi il settore e dia spazio ma, sopratutto dignità ai forestali, un settore abbandonato a se stesso e che necessita assolutamente di una soluzione». «L’Ugl Agroalimentare – conclude – è assolutamente contraria alla proposta dell’agenzia regionale, sarebbe solo un clone delle Comunità Montane e a nostro avviso non porterebbe ad alcun risultato oltre a quello di peggiorare la situazione».