FOGLIE NEL CIELO. STEFANO BOERI A NAPOLI

Nello scenario della manifestazione di Napoli Futuro Remoto nei giorni dal 16 al 19 ottobre –  prima manifestazione di diffusione della cultura scientifica e tecnologica realizzata in Europa che giunge quest’anno alla sua 29° edizione – molto ricco è stato il manifesto degli appuntamenti, delle iniziative e delle conferenze all’Associazione Circolo Artistico Politecnico, con personaggi di grande rilievo. Tra questi l’ospitalità data all’architetto Stefano Boeri che ci ha raccontato di un’idea che a Milano si è realizzata in due torri elette il più bel grattacielo del mondo con più di 20.000 piante. Progetto che ha vinto l’International Highrise Award 2014. L’idea di capire se in una città metropolitana molto densa ed inquinata come Milano sia possibile realizzare dei grattacieli che non hanno solo dei giardini ma un bosco e se questo esperimento può essere impiantato anche in altre realtà, come la nostra, come quella di Napoli. “Il Bosco Verticale è una nuova idea di grattacielo, in cui alberi e umani convivono. È il primo esempio al mondo di una torre che arricchisce di biodiversità vegetale e faunistica la città che lo accoglie”. “Foglie nel cielo. Note su Architettura, politica e natura.” questo il titolo della lectio portata a Napoli da Boeri. Tanti giovani, studenti, cittadini hanno riempito la sala attenti all’avanguardia, attenti a guardare ad un futuro più “verde” oserei dire, dinanzi al cortometraggio dedicato ai ‘Giardinieri Volanti’ del Bosco Verticale, le acrobazie dei ‘Flying Gardeners’ che diventano un film. Esperti arboricoltori che, in moti casi, hanno unito una profonda conoscenza della vegetazione e una passione per l’alpinismo o la speleologia. I “giardinieri volanti” si calano dall’alto delle torri del Bosco ogni tre mesi con corde lunghe circa 300 metri, e piano dopo piano potano, spuntano, raccorciano, monitorano e curano le chiome degli alberi sui balconi del grattacielo. Un film nato da un’idea di Stefano Boeri, realizzato da Blink Fish con il supporto di Chicago Architecture Biennial, dell’Ambasciatrice culturale di Milano a Chicago Francesca Parvizyar.

Queste due torri sono l’esempio di come si possono cambiare le nostre città, questo progetto è l’inizio di un progetto più ambizioso, di vere e proprie città foresta.P1080691 P1080697

About Redazione Informare

Magazine mensile, gratuito, di promozione culturale edito da Officina Volturno, associazione di legalità operante in campo ambientale, sociale e culturale.