Finanziati i restauri dell’Anfiteatro Campano, del Mitreo e dell’Arco di Adriano

Il lavoro svolto sul territorio paga sempre. Stavolta una buona notizia! È stata approvata e pubblicata stamani la tanto attesa graduatoria proposta dalla commissione di valutazione, contenente l’elenco delle proposte progettuali presentate dagli Enti richiedenti il contributo per la progettazione, a valere sulle risorse del Fondo di Rotazione. 
La città di Santa Maria Capua Vetere beneficerà dei finanziamenti per la progettazione degli interventi di restauro conservativo, riqualificazione, recupero, completamento e valorizzazione dei più importanti siti storici, archeologici, monumentali e architettonici presenti nella nostra comunità, in primis l’Anfiteatro Campano, il Mitreo, l’arco di Adriano, il Palazzo Teti-Maffuccini e le strade di collegamento tra i predetti beni culturali. 
“Ancora una volta, il nostro territorio è protagonista della programmazione strategica regionale e riesce a farsi valere sui tavoli regionali, riuscendo ad attrarre finanziamenti che determineranno nuovi investimenti, economia turistica ed indotto vario”, dichiara soddisfatta la parlamentare Camilla Sgambato (Pd) che in più occasioni si è fatta promotrice di richieste di interventi e tavoli istituzionali tesi alla valorizzazione del patrimonio storico e culturale presente nella città sammaritana.
L’unico rammarico è rappresentato dal mancato finanziamento per esaurimento risorse della progettazione relativa al recupero dei Campo Sorbo, un’area degradata che deve assolutamente essere riqualificata al più presto, impegnandomi insieme al Partito Democratico affinché ciò avvenga nell’ambito dell’ulteriore riparto delle somme a disposizione del prossimo Fondo di Rotazione“, conclude l’On. Sgambato.